Ricette

Meringhe proteiche e densità calorica

Cambiare palestra è uno di quei processi sociali che permette agli individui particolarmente sensibili di cogliere tutte le sfumature di questo ambiente. Chi di voi ha avuto questa esperienza non potrà aver notato come parte di questo nostro privilegiato mondo sia attenta in modo morboso all’alimentazione, come i discorsi spesso ruotino intorno al cibo e come gli ‘sgarri’ siano visti in maniera mistica, rispettosa e sacra.

Tutto ciò, fondamentalmente, ci rende inquadrabili in due categorie: chi mangia per vivere e chi vive per mangiare.  Mi permetto di fare di tutta l’erba (due) fasci in quanto l’alimentazione –fino a prova contraria- è obbligatoria, quindi nessuno potrà venirmi a dire “no, io non mangio, sono fuori dagli schemi”.  Ci siete dentro e basta, fino allo stomaco.

Della prima categoria (seguono banalità) fa parte la stragrande maggioranza della popolazione. E’ l’approccio “tradizionale”,  predilige cibi a densità calorica medio-alta (inconsciamente per i non avvezzi alla cultura fisica, consciamente per chi frequenta questo universo) per raggiungere la quota calorica prefissata. Gli individui che ne fanno parte non sono generalmente mai stati sovrappeso e vivono l’alimentazione nel senso naturale del termine, cioè come mezzo per raggiungere un fine (avere le energie necessarie, accrescere la massa muscolare, eccetera).

La seconda predilige cibi a bassa densità calorica, anche in condizione di introiti giornalieri molto alti (ad esempio, in periodo di bulk), in quanto appagata dalla quantità e qualità del cibo; In molti si sono avvicinati alla palestra per perdere peso ed hanno trascorsi (o presenti) di disturbi alimentari.

L’alimentazione è il (o uno dei, nel migliore dei casi) loro fini: tra i canonici “tre desideri” di questa categoria ho sempre avuto occasione di trovare  “mangiare senza ingrassare”.

Questo tipo di atteggiamento non è sano, può facilmente catapultare in determinati disordini patologici ed è particolarmente “borderline” quando si riscontrano atteggiamenti quali le abbuffate compulsive: mi rivolgo a loro con questa lunga premessa invitandovi a trattare le ricette “ipocaloriche” NON come metodo per abbuffarsi senza sensi di colpa, ma come aiuto per abbassare la densità calorica in situazioni di dieta ipocalorica, concedendosi un gusto “reale” senza andare ad influire sulla dieta prefissata.

Arriviamo quindi al punto, le meringhe proteiche, 50 kcal/100 gr.

Si trovano molte ricette in giro, le ho testate quasi tutte ed ho avuto la sfortuna di vederle fallire, finchè non ho avuto la fortuna di azzeccare le quantità e le tempistiche. Funziona, l’ho provata più di una volta e vi stupirà:  sono identiche alle originali.

 

Ingredienti:

Preparazione:

  • Preriscaldare (si fa per dire) il forno a 60°, ventilato, lasciandolo lievemente aperto con un panno.
  • Oliare due teglie grandi (di dimensioni conformi a quelle del  vostro forno) con uno scottex imbevuto con poco olio e.v.o.
  • Tritare preventivamente eritritolo, xilitolo e sucralosio assieme, finchè non formeranno una polverina finissima.
  • Montare a neve ferma (aiutandosi, se necessario, con la gomma di xantano aggiunta nel momento in cui l’albume diventa solida) il bianco d’uovo.
  • Aggiungere il complesso dolcificante al bianco d’uovo, lentissimamente (aiutarsi se possibile con un setaccio)e stando attenti a non far smontare l’albume: nel caso in cui vediate del liquido, il composto è da buttare. Provate a rovesciarlo prima di infornarlo!
  • Quando il composto è omogeneo (dovrebbe rimanere ben solido) porre le meringhe sulle teglie con un cucchiaio (per i professionisti della forma, ovviamente, si può procedere con la sac-a-poche)
  • Infornare per circa 1h30-2h, controllando di tanto in tanto (basta alzarne una e vedere se l’interno è cotto.)

NB:
se il vostro forno ha sbalzi che proiettano le temperature oltre certi livelli le meringhe “imbruniranno”, ma non perderanno nulla in fatto di sapore.

 

Mattia De Flaviis,

Istruttore certificato CONI/CSEN, Studente di Biotecnologie ed appassionato di Biomeccanica, Alimentazione, Cucina Molecolare e Cultura Fisica.

deflaviismattia@gmail.com

Nessun tag



admin

admin

Scrittore ed esperto


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!