Articoli

Tutto sulla frutta a guscio

In passato, la frutta a guscio, non era considerata tanto salutare a causa del suo alto contenuto di grassi. Tuttavia, negli ultimi dieci anni, questa percezione è cambiata e la frutta a guscio viene spesso raccomandata da nutrizionisti per il suo alto profilo di acidi grassi buoni, di proteine, vitamine e minerali . Il consumo giornaliero della frutta a guscio, infatti, è stato associato a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari, a un minore Indice di Massa Corporea (BMI) e sostenuto dalle diete indicate per la perdita di peso e la cura del diabete. Gli esperti sostengono inoltre che le persone che consumano la frutta a guscio almeno due volte a settimana, tendenzialmente hanno meno probabilità di ingrassare rispetto a quelli che non la mangiano.

 

MANDORLE

 

Porzione raccomandata: 23

Calorie: 163

 

Le mandorle contengono meno grassi rispetto al resto della frutta a guscio e sono ricche di nutrienti e antiossidanti. Infatti, una manciata di mandorle apporta la stessa quantità di benefici di una tazza di the verde e con i suoi 94 mg di calcio contribuisce inoltre a rinforzare le ossa. È stato provato che un regolare consumo di mandorle, abbassa il colesterolo e previene le malattie del cuore. Oltre a questo, possono aiutare ad abbassare gli zuccheri nel sangue e a prevenire il diabete.

 

Fatto curioso: Uno studio pubblicato sul giornale scientifico americano Metabolism dimostra che mangiando le mandorle con degli alimenti ad alto indice glicemico, queste abbassano l’IG del pasto e tiene a bada gli zuccheri nel sangue anche dopo aver mangiato.

 

Un’idea per consumarle: Saltatele in padella con dei fagiolini verdi oppure aggiungetele nell’impasto per muffin o biscotti. Eccellenti anche nell’insalata.

Dai un’occhiata alle Mandorle MP

 

PISTACCHI

 

Porzione consigliata: 49

Calorie: 162

 

Questa piccola nocciolina ha grandi proprietà benefiche! I pistacchi sono ricchi di grassi monoinsaturi (grassi buoni che mantengono il cuore in salute). Il rame, il magnesio e le vitamine del gruppo B rafforzano il sistema immunitario e ci proteggono contro le malattie e virus. Una porzione di pistacchi apporta la stessa quantità di fibra di una porzione di fiocchi di avena. È l’unica frutta a guscio a contenere la luteina e la zeaxantina, le quali riducono il rischio di degenerazione maculare legata all’età (AMD). La maculopatia legata all’età è per definizione una patologia dell’invecchiamento e si colloca oramai al primo posto tra le cause di invalidità visiva in Italia.

Fatto curioso: In America si usava colorare i pistacchi di rosso per mascherare le imperfezioni del guscio e per far spiccare le noccioline nei distributori automatici.

 

Un’idea per consumarli: rotolate un pezzo di formaggio di capra fresco nei pistacchi tritati e servitelo nell’insalata.

 

NOCI

 

Porzione consigliata: 14 metà

Calorie: 185

 

Le noci sono una delle migliori fonti vegetali di acidi grassi essenziali come gli Omega-3. Per questa loro caratteristica, possono aiutare a ridurre gli effetti dell’invecchiamento sul cervello, migliorano la salute cardiovascolare, abbassano la pressione e l’LDL (il colesterolo cattivo. Una manciata di noci apporta più antiossidanti di qualunque altra frutta a guscio.

 

Fatto curioso: Le noci sono sempre state considerate importanti per le loro proprietà medicinali come per la prevenzione dell’alito cattivo, per ridurre le infiammazioni e accelerare la guarigione delle ferite. I Greci le chiamavano karyon, che significa “testa”, perché il frutto assomiglia a un teschio umano e il guscio di noce si presenta come un cervello.

 

Un’idea per consumarle: tritatele e cospargetele sulla zuppa di funghi per un sapore ancora più intenso.

Dai un’occhiata alle Noci MP

 

ARACHIDI

 

Porzione consigliata: 28

Calorie: 170

 

Le arachidi sono una grande fonte di proteine (20-30%), minerali come il potassio e vitamine del gruppo B, che aiutano a mantenere la salute della pelle e dei capelli ed il tono muscolare. L’85% dei grassi presenti nelle arachidi sono insaturi e il 50% di questi sono monoinsaturi i quali aiutano ad abbassare il colesterolo cattivo “pulendo” così le arterie e prevenendo le malattie cardiache.

 

Fatto curioso: Ci vogliono 540 arachidi per fare un vasetto di burro d’arachidi di 360 grammi.

 

Un’idea per servirle: saltatele con le verdure e la carne per aggiungere un po’ di crocantezza.

 

ANACARDI

 

Porzione consigliata: 16

Calorie: 163

 

Gli anacardi sono un’ottima fonte di ferro, apportandone quasi il 10% della dose giornaliera raccomandata con una singola porzione. Rispetto ad altra frutta a guscio, gli anacardi sono più ricchi in acido folico e vitamina K, che aiutano a mantenere le ossa forti e il sangue nello stato liquido normale.

 

Fatto curioso: il guscio degli anacardi contiene sostanze chimiche molto irritanti che vengono eliminate con la tostatura a temperature molto elevate.

 

Un’idea per servirle: saltatele in padella con i bocconcini di petto di pollo o aggiungetele nell’insalata.

Dai un’occhiata agli anacardi MP

 

NOCI PECAN

 

Porzione consigliata: 19 metà

Calorie: 196

 

Queste noci originarie dell’America settentrionale offrono benefici al cuore abbassando il colesterolo. Promuovono la salute della prostata quindi, uomini, mangiatene una manciata quotidianamente!! Le noci pecan contengono più di 19 vitamine e minerali diversi, tra cui le vitamine A ed E, l’acido folico, calcio, magnesio, fosforo, potassio, alcune vitamine del gruppo B e zinco.

 

Fatto curioso: L’altezza media degli alberi di pecan è di 20-30 metri, ma alcuni alberi possono raggiungere anche i 45 metri. Il tronco degli alberi di pecan che hanno più di 150 anni arriva a misurare fino a un metro in diametro.

 

Un’idea per servirle: prima della cottura ricoprite il petto di pollo con le noci pecan spezzettate oppure servitele sulle zucchine saltate in padella.

 

NOCI BRASILIANE

 

Porzione consigliata: 6

Calorie: 186

Questa frutta a guscio così grande sta recentemente spopolando per essere una delle più grandi fonti naturali di selenio il quale abbassa il colesterolo LDL e previene i coaguli nel sangue. Una sola noce brasiliana può contenere più selenio di quello raccomandato come dose giornaliera e siccome troppo selenio può essere pericoloso, rendete queste noci un piacere raro.

 

Fatto curioso: Le persone allergiche alle noci brasiliane hanno un problema unico in questo genere: l’allergia a questo frutto è nota per essere “sessualmente trasmissibile”. In altre parole, lo sperma di un uomo che ha mangiato noci brasiliane può innescare una reazione allergica al partner se presenta un’allergia alle noci brasiliane.

 

Un’idea per servirle: Aggiungetele agli impasti per dolci, in particolare si sposano bene con la frutta.

Dai un’occhiata alle noci brasiliane MP

Autore:

Anja Paskulin Personal Coach, Istruttore di Bodybuilding e Fitness, Educatore Alimentare, Atleta.

www.feedtheiron.blogspot.com

www.facebook.com/anjapaskulinpt

Nessun tag



admin

admin

Scrittore ed esperto


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!