0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Allenamento

Presa Trazioni E Diversa Attivazione Del Grande Dorsale | Tutto Svelato!

Dallo scrittore Myprotein Alberto Baduini, studente in Fisioterapia.


Presa Trazioni


L’argomento per cui la diversa ampiezza della presa può influenzare diverse fibre del dorso è molto dibattuto. In particolare si fa riferimento alla diversa attivazione del muscolo grande dorsale.

Questo muscolo è quello che in assoluto ricopre la maggiore superficie corporea e la sua forma può essere ricondotta ad un triangolo (per ogni antimero del dorso) che copre una regione che va dalla scapola alla colonna vertebrale fino alla parte superiore del bacino.

Le sue fibre ricoprono gran parte del dorso e rappresentano una sorta di collegamento tra il cingolo scapolare ed il cingolo pelvico. Il grande dorsale origina in diversi punti e in basi a queste zone si può suddividere questa vasta superficie in 4 settori:

  • Parte vertebrale: questa è costituita dalle fibre che originano dalla cresta sacrale media, dalla fascia lombo- dorsale e le ultime 6 vertebre toraciche
  • Parte iliaca: origina dalla regione mediale del labbro esterno della cresta iliaca
  • Parte costale: origina dalle ultime 4 coste
  • Parte scapolare: origina dall’angolo inferiore del margine laterale della scapola

presa trazioni

Per inserzione di questo muscolo si considera il labbro posteriore del solco inter- tubercolare dell’omero.

La funzione di questo muscolo (riferita solo all’omero) è di estensione della spalla, adduzione della spalla e di intra- rotazione dell’omero.

Considerando i diversi punti di origine e il punto di inserzione unico ha senso pensare che un diverso posizionamento di quest’ultimo possa andare a favorire l’azione di certe fibre muscolari rispetto ad altre.


1. Orientamento fibre muscolari e ampiezza della presa


Il muscolo grande dorsale è un muscolo molto particolare: oltre ad avere una superficie estesa e oltre a rappresentare il punto di collegamento tra cingolo superiore e posteriore ha anche un orientamento delle fibre muscolari caratteristico.

Le sue fibre corrono in direzione obliqua e con una inclinazione che varia in base al punto di origine. Questa caratteristica appare anche abbastanza logica in quanto se si fanno convergere delle linee da tutti i punti di origine nell’unico punto di inserzione si ottengono linee con inclinazione tra loro diversa.

In particolare la parte costale e la parte scapolare hanno un angolazione delle fibre più orizzontale, la parte vertebrale ha fibre orientate in senso obliquo mentre la parte iliaca ha fibre con un angolazione più verticale.

Questo elemento rappresenta un elemento importante in quanto le fibre di un muscolo contraendosi avvicinano il punto di origine ed il punto di inserzione secondo la linea che corrisponde al loro orientamento.

Ad esempio le fibre del muscolo bicipite brachiale hanno un orientamento concorde con la lunghezza dell’omero e infatti la contrazione di questo muscolo avvicina l’inserzione all’origine proprio secondo questa direzione. Se si pensa al dorsale questo svolge sia la funzione di estensione della spalla che di adduzione e l’ampiezza della presa in un esercizio di trazione verticale può favorire una funzione rispetto ad un’altra.

In particolare se la presa è stretta prevale la funzione di estensione della spalla mentre se la presa è larga prevale la funzione di adduzione della spalla.

Per capire che movimento prevale è molto semplice. Basta osservare il movimento descritto dalla spalla durante l’esecuzione dell’esercizio e verificare su che piano si svolge questo movimento.

presa trazioni


2. Presa supina vs presa prona


C’è un altro fattore da considerare ovvero se la presa che si usa è supina oppure è prona. Una presa supina pone il punto di inserzione più anteriormente rispetto ai punti origine.

Questo determina un maggiore movimento lungo il piano sagittale con una conseguente maggiore attivazione della funzione di estensione della spalla. Una presa prona mette il punto di inserzione più prossimo al piano frontale su cui si trovano i punti di origine.

Conseguenza diretta di questo è che prevale la funzione di adduzione della spalla. Concretamente, se si mantiene la presa con una ampiezza tale a quella delle spalle:

  • Una presa supina favorisce una maggiore attivazione delle fibre con angolazione più verticale (quindi la regione inferiore del grande dorsale)
  • Una presa prona favorisce una maggiore attivazione delle fibre con angolazione più orizzontale (quindi la regione superiore del grande dorsale)

presa trazioni


Conclusione


Combinando l’ampiezza della presa con la variante prona/ supina si può favorire che aree del grande dorsale vengono maggiormente stimolate. Bisogna sempre tenere in considerazione che il dorsale viene attivato completamente in un movimento di trazione ma è possibile favorire il lavori di certe fibre muscolari rispetto ad altre.



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


Non Lasciarti Scappare le Offerte di Oggi! Affrettati! Compra ora!