Alimentazione

Frutta Che Fa Dimagrire | I 4 Frutti Che Aiutano A Perdere Peso


Frutta Che Fa Dimagrire


Dimagrire (ed apparire esteticamente perfetti) è il sogno di quasi ogni persona, ancor più in vista dell’estate, dove tutti cercano di affrontare la prova costume nella miglior condizione fisica possibile.

Ci sono migliaia di diete in giro per il web, molte delle quali offrono regimi alimentari rigidi (dove per rigidi intendo al limite della sopportazione per via dello stress mentale e fisico) o altre dove ci si trova costretti a rinunciare a determinati tipi di cibi – tra cui anche la frutta -per potersi mantenere nel range calorico consigliato (nulla di più sbagliato dal mio punto di vista).

In questo articolo, vedremo invece come determinati tipi di frutta possono essere inseriti (ad occhi chiusi!) nella dieta quotidiana finalizzata al dimagrimento con effetti totalmente vantaggiosi e quasi nessun contro (Il tutto, ovviamente, inserito in un contesto alimentare corretto ed equilibrato associato ad uno stile di vita sano e sportivo).

Iniziamo subito elencando i 4 frutti (tra l’altro molto comuni e alla portata di tutti) in grado di supportarci durante la nostra perdita di peso e la ricerca della forma perfetta.


1. Mela


“Una mela al giorno, toglie il medico di torno”, “ma toglie anche qualche chiletto in eccesso”, oserei dire!

Non ci si scherza soltanto su, diversi studi hanno dimostrato che tutte le diverse – quasi 7000 – varietà di questo frutto (in particolare quella verde), oltre a prevenire gli attacchi di fame eliminando la sensazione di fame grazie alla loro corposa consistenza, sono in grado di aiutare a regolare i livelli di zucchero nel sangue attraverso i flavonoidi in esse contenuti e all’alto contenuto di acido fenolico; ma non solo!

Le mele aiutano ad accelerare il metabolismo e a combattere il colesterolo LDL (lipoproteine a bassa densità, conosciuto come “cattivo”), sono ricche di antiossidanti e permettono infine di rendere i lipidi meno resistivi nell’organismo.

Una mela contiene circa 52 kcal per 100g (una mela “comune” pesa circa 200 grammi) oltre che vitamina A, Calcio, Potassio e Magnesio.

apples-490474_960_720


2. Anguria


Con l’aumento delle temperature abbiamo un motivo in più per mangiare anguria senza sensi di colpa, essa costituisce un altro frutto con proprietà benefiche.

Innanzitutto, la grande quantità di acqua che contiene (un’anguria è costituita dal 92% di acqua e solo l’8% di zuccheri) gioca un ruolo molto importante per mantenere una corretta idratazione del corpo.

Un’ottima “strategia” per evitare gli attacchi fame è proprio quella di bere molta acqua nell’arco della giornata: oltre a migliorare le funzioni intestinali e urinarie, l’acqua aiuta a colmare i “vuoti di stomaco” come tutti i cibi ricchi di acqua e fibra (inclusa l’anguria, ovviamente).

Alcuni studi hanno confermato le sue potenzialità nel combattere il colesterolo cattivo e ridurre la possibilità di contrarre malattie all’apparato cardiocircolatorio, in più aiuta a perdere peso, a contrastare gli inestetismi della pelle come la cellulite e contiene molta vitamina C e Citrullina.

100 grammi di anguria contengono solo 30 kcal, vitamina A e C e Magnesio.

frutta che fa dimagrire


3. Mirtilli


Il mirtillo è quel tipico frutto che viene spesso trascurato nella dieta di tutti i giorni, esso nasconde invece grandi proprietà benefiche per il nostro corpo; è di facile reperibilità (ma sconsiglio gli yogurt perchè solitamente contengono anche zuccheri aggiunti) ed è possibile trovarlo anche in infusi o in appositi integratori.

Possiede importantissime proprietà antiossidanti grazie alla ricchezza di vitamina A, C ed E e di antociani come la mirtillina (pigmento idrosolubile appartenente alla famiglia dei flavonoidi nonchè potente antiossidante utile per garantire il corretto funzionamento epatico e del sistema immunitario)
I mirtilli vengono spesso utilizzati con successo in caso di condizioni cliniche inerenti l’apparato cardiocircolatorio (come le patologie derivanti dall’eccessivo colesterolo); il mirtillo è inoltre anche un frutto ricco di acqua e minerali, favorisce la diuresi e contrasta la ritenzione idrica, fornisce quindi un grande aiuto all’eliminazione del gonfiore addominale.

100 grammi di mirtilli contengono circa 57 kcal.

frutta che fa dimagrire


4. Arancia e limone


Gli ultimi (ma non per importanza!) 2 frutti – appartenendo entrambi al genere Citrus (agrumi) – sono inseriti in un unico paragrafo.

Arancia e Limone sono innanzitutto dei potenti antiossidanti in grado di contrastare i radicali liberi “prodotti” dallo stress ossidativo.

In tema dimagrimento (oltre che in supporto alle terapie contro alcuni tipi di diabete), grazie all’enorme quantità di Vitamina C che essi contengono, permettono di regolare la glicemia ed accelerare il metabolismo.

La Vitamina C è infatti uno degli “strumenti” migliori e più sicuri per inibire l’accumulo di sorbitolo nelle cellule oltre che per far regredire la glicosilazione (cioè la combinazione di una o più molecole di glucosio con molecole di natura diversa) delle proteine.

In particolare:

  1. Il limone contiene vitamine B1, B2 e C oltre minerali, flavonoidi, oligoelementi nonché fattori in grado di svolgere un’azione anti-fame e snellente.
  2. L’arancia è invece ricca di folati, vitamine del gruppo B in grado di migliorare il controllo muscolare e il miglioramento della memoria e colina (o vitamina J) che risulta essere importante per il metabolismo dei grassi e per “trasformarsi” in acetilcolina, un neurotrasmettitore (il primo ad essere stato scoperto) responsabile della trasmissione nervosa sia a livello di Sistema nervoso centrale (SNC) che periferico (SNP) e – di conseguenza – per il controllo dei muscoli e lo sviluppo della memoria.

lemon-948354_960_720


Conclusioni


Come abbiamo visto, la frutta, tanto demonizzata per il dimagrimento, si colloca invece in cima alla classifica dei cibi più sazianti, con un indice di sazietà (un parametro che misura il senso di sazietà o pienezza a breve termine) mediamente maggiore di quasi 2 volte, rispetto al pane bianco (l’indice glicemico del fruttosio – ovvero “lo zucchero della frutta” – è di 20 contro il 100 del glucosio e del pane bianco).

Le arance – ad esempio – si piazzano molto in alto nell’indice per via del loro peso relativamente basso e dell’elevato spazio che occupano all’interno dello stomaco contribuendo al senso di sazietà; ne consegue quindi che è necessario consumare frutta intera per poter trarre beneficio dalle proprietà sazianti di quest’ultima, proprietà invece non presenti per la frutta consumata sottoforma di succo in quanto lo spazio occupato è nettamente inferiore (pur apportando le stesse



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!