Vai al contenuto principale
Integratori

Che cos’è l’inositolo? | Benefici ed effetti collaterali

Che cos’è l’inositolo? | Benefici ed effetti collaterali
Claire Muszalski
Dietista Registrata10 mesi In
Visualizza il profilo di Claire Muszalski
Anche se probabilmente conoscete molti tipi di integratori, l'inositolo potrebbe non essere in cima alla lista. Tuttavia, questa sostanza è comune nel nostro corpo e nella nostra alimentazione e ha molti potenziali benefici legati alla salute mentale e al metabolismo. L'inositolo è presente in molte fonti alimentari, ma mostra maggiori benefici potenziali per alcuni tipi di persone. Continuate a leggere per scoprire come l'inositolo potrebbe esservi utile.

Che cos'è l’inositolo?

L'inositolo è un alcool zuccherino simile a una vitamina, presente nei tessuti del nostro corpo e in molte fonti alimentari. Sebbene l'inositolo venga talvolta definito una vitamina del gruppo B, tecnicamente non è una vitamina, poiché le nostre cellule sono in grado di produrre da sole quantità adeguate di inositolo. Tuttavia, lavora insieme a diverse vitamine del gruppo B (piridossina - B6, acido folico - B9, e acido pantotenico - B5).

Che cos'è il Myo-Inositolo?

Il Myo-Inositolo è una delle nove possibili forme strutturali dell'inositolo. È la forma più stabile e quella comunemente utilizzata come integratore dai produttori. L'inositolo svolge un ruolo strutturale nelle membrane che circondano le nostre cellule, aiutando a controllare quali sostanze ed enzimi possono entrare o uscire e portare ad altri risultati nel corpo. Un esempio è il coinvolgimento dell'inositolo con gli "ormoni del benessere" come la serotonina, la dopamina e la glutammina, con conseguente impatto sul cervello e sulla salute mentale. Il Myo-Inositolo è la forma più comunemente testata a questo scopo.

Benefici dell'inositolo sulla salute mentale

Poiché l'inositolo svolge un ruolo nella trasmissione dei messaggeri chimici nel cervello, può avere un impatto sull'umore. Diversi studi hanno concluso che i livelli di inositolo erano bassi nel cervello e nel fluido spinale cerebrale di pazienti con problemi di umore, il che ha portato a ulteriori ricerche sull'inositolo e la salute mentale. Sebbene la ricerca abbia dimostrato un miglioramento dell'umore, si tratta di un'opzione terapeutica che deve essere discussa dal singolo individuo e dal medico.

Ulteriori benefici dell’inositolo

Mentre il ruolo dell'inositolo nella salute mentale è stato ampiamente studiato, alcuni potenziali benefici meno noti includono l'impatto metabolico. Ha la possibilità di contribuire a influenzare l'immagazzinamento del glucosio da parte dell'organismo, eliminando il grasso dal fegato.Un'altra forma comunemente studiata è il DCI, o D-chiro-inositolo. Il DCI agisce come sensibilizzatore dell'insulina, controllando l'azione dell'insulina tra le nostre cellule. L'inositolo è classificato come composto "sensibilizzante dell'insulina" a causa del suo impatto sulla comunicazione degli ormoni all'interno del corpo.

Effetti collaterali dell’inositolo

A causa dell'impatto dell'inositolo sugli ormoni cerebrali, potrebbe non essere un integratore appropriato per coloro che sono in trattamento per disturbi psichiatrici con altri farmaci. Il ruolo dell'inositolo nel metabolismo e nel controllo degli zuccheri nel sangue potrebbe renderlo inadeguato per coloro che soffrono di episodi di abbassamento della glicemia, chiamati ipoglicemia.

Dosaggio raccomandato dell’inositolo

La maggior parte degli studi condotti sull'inositolo per i benefici sulla salute mentale ha utilizzato dosaggi compresi tra 5 e 18 mg al giorno.I dosaggi utilizzati negli studi sull'impatto della sensibilità all'insulina sono stati inferiori (tra 2 e 6 mg al giorno), mentre quelli utilizzati per i benefici sulla salute mentale sono stati in genere compresi tra 6 e 12 mg al giorno.L'inositolo è una sostanza presente in natura e non è regolamentata dall'FDA, ma è considerata "generalmente sicura". Se state pensando di usare l'inositolo come integratore, parlatene con il vostro medico per capire qual è la dose migliore per la vostra salute.

Fonti alimentari di inositolo

Secondo l'USDA, le maggiori fonti alimentari di inositolo sono i cereali integrali biologici, le noci, il melone, 447 agrumi, i fagioli di Lima, l'uva passa e il cavolo. Una delle principali fonti di inositolo per i bambini è il latte materno, motivo per cui viene spesso aggiunto al latte artificiale. Anche il latte vaccino contiene un po' di inositolo, ma solo circa 1/3 della quantità del latte materno umano. Se siete preoccupati per i possibili effetti collaterali degli integratori di inositolo, iniziate ad aumentare la quantità di alimenti ricchi di inositolo nella vostra dieta.

Conclusione

L'inositolo è un alcool zuccherino che ha diversi effetti sugli ormoni che influenzano il nostro cervello e il nostro metabolismo, tanto da meritarsi la fama di "pseudo-vitamina". I benefici dell'inositolo, sotto forma di myo-inositolo o di CDI, potrebbero avere un impatto sulle persone affette da patologie mentali e su quelle che lottano con la sensibilità all'insulina. Una dieta ben bilanciata che includa alimenti ad alto contenuto di inositolo o integratori di inositolo può aiutare a raccogliere i benefici di questo potente composto.

1. Chung, S.K., and Kwon, Y.U. (1999). Practical synthesis of all inositol stereoisomers from myo-inositol. Med. Chem. Lett.9(15), 2135–2140.

2. Schlemmer, W. Frølich, R.M. Prieto, F. Grases. (2009). Phytate in foods and significance for humans: food sources, intake, processing, bioavailability, protective role and analysis, Mol. Nutr. Food Res. 53 (Suppl. 2): S330e S375.

3. S. Clements, B. Darnell. (1980). Myo-Inositol content of common foods: develop- ment of a high-myo-inositol diet. Am. J. Clin. Nutr. 33: 1954e1967

4. Gill DL, Ghosh  TK, Mullaney JM. (1989). Calcium signalling mechanisms in endoplasmic reticulum activated by inositol 1,4,5 triphosphate and GTP.  Cell Calcium;10(5):363-374

5. Parthasarathy L,  Vadnal R, Parthasarathy R, et al. (1994). Biochemical and molecular properties of lithium-sensitive myo-inositol monophosphatase.  Life Sci ;54:11271142.

6. Bloomgarden ZT, Futterweit W, Poretsky L. (2001). Use of insulin-sensitizing agents in patients with polycys- tic ovary syndrome. Endocr Pract; 7: 279- 286.

7. Barkai  A,  Dunner D, Gross H, et al. (1978). Reduced myo-inositol levels in cerebrospinal fluid from patients with affective  disorder.  Biol Psychiatry;13:65-72.

8. Levine J, Rapaport  A, Lev L, et al. (1993). Inositol treatment raises CSF inositol levels.  Brain Research;627:168-169.

9. Levine J, Barak  Y,  Gonzalves M, et al. (1995). Double-blind, controlled trial of inositol treatment of depression.  Am J Psychiatry. 152(2):792-794.

10. Levine J, Barak  Y,  Kofman O, et al. (1995). Follow-up and relapse of an inositol study of depression. Isr J Psychiatry Relat Sci. 32(1):14-21.

11. Barak  Y,  Levine J, Glasman  A,  et al. (1996). Inositol treatment of  Alzheimer’s disease: a double blind, cross-over placebo controlled trial.  Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry;20:729-735.

12. Young SN. (2007). How to increase serotonin in the human brain without drugs. Rev. Psychiatry. Neurosci. 32 (6): 394–99.

13. Fux, M., Levine, J., Aviv, A. and Belmaker, R.H. (1996). Inositol treatment of obsessive-compulsive disorder. American Journal of Psychiatry153(9), pp.1219-1221.

14. Tarnow  P,  Cassuto J, Jonsson  A, et al. (1998). Postoperative analgesia by D-myo-inositol-1,2,6 triphosphate in patients undergoing cholecystectomy.  Anesth Analg. 86:107-110.

15. Raffa  R, Connelly C, Martinez R. (1992). Opioid efficacy is linked to the LiCl-sensitive  inositol 1,4,5-triphosphate-restorable pathway.  Eur J Pharmacol;21:221-223.

16. Corrado, R. D’Anna, G. Di Vieste, D. Giordano, B. Pintaudi, A. Santamaria, A. Di Benedetto. (2011). The effect of myoinositol supplementation on insulin resistance in patients with gestational diabetes, Diabet. Med. 28(8):972-975.

17. Maeba, R., Hara, H., Ishikawa, H., Hayashi, S., Yoshimura, N., Kusano, J., Takeoka, Y., Yasuda, D., Okazaki, T., Kinoshita, M., and Teramoto, T. (2008). Myo-inositol treatment increases serum plasmalogens and decreases small dense LDL, particularly in hyperlipidemic subjects with metabolic syndrome.  Nutr. Sci. Vitaminol. 54(3): 196-202

18. Inositol Material Safety Data Sheet MSDS Number 12480 (1996).

19. Lam, A. McWilliams, J. LeRiche, C. MacAulay, L. Wattenberg, E. Szabo. (2006). A phase I study of myo-inositol for lung cancer chemoprevention. Cancer Epidemiol. Biomarkers Prev. 15(8);1526-1531.

20. Carlomagno, V. Unfer. (2011). Inositol safety: clinical evidences. Eur. Rev. Med. Pharmacol. Sci. 15 931-936.

21. Levine J, Ring  A,  Barak  Y,  et al. (1995). Inositol may worsen attention deficit disorder with hyperactivity.  Hum Psychpharmacol;10:481-484.

22. Phaneuf S, Europe-Finner G, Carrasco M, et al. (1995). Oxytocin signalling in human myometrium. Adv Exp Med Biol;395:453-467.

23. Chien E, Saunders  T,  Phillippe M.  (1996). The mechanisms underlying Bay K 8644-stimulated phasic myometrial contractions.  J Soc Gynecol Investig;3:106-112.

Claire Muszalski
Dietista Registrata
Visualizza il profilo di Claire Muszalski

Claire è una dietista registrata presso l' Academy of Nutrition and Dietetics e una coach certificata per la salute ed il benessere presso la International Consortium for Health and Wellness Coaching. Si è laureata in Scienze Biologiche e ha conseguito un master in Nutrizione e Dietistica presso l' Università di Pittsburgh.

Appassionata di cibo e fitness, adora usare la sua esperienza per aiutare gli altri a raggiungere i proprio obiettivi di benessere e salute.

Claire è anche una istruttrice di ciclismo. Nel tempo libero ama correre e fare yoga. Quando non è impegnata ad allenarsi, tifa le squadre sportive della sua città Pittsburgh, oppure cucina con la sua famiglia.

Scopri di più sulla esperienza di Claire qui.

myprotein