Ambassador & Atleti

Superare l’asia con l’esercizio fisico — La storia di Ryan | 8 Million

Festeggiamo te. 8 milioni di obiettivi.

Ryan Walklett è un assistente parrucchiere di 25 anni di Londra. Ha lottato con l’ossessione di essere “magro” e stava attraversando un brutto periodo con la sua salute mentale, fino a quando ha deciso di provare a correre. Ora ha trovato il suo passo ed è alla ricerca della prossima sfida. Questa è la sua storia.

“Ero in un brutto posto un paio di anni fa. Ero un bambino abbastanza grande e quello veniva sempre preso in considerazione dagli altri bambini a scuola, quindi ne ero molto consapevole. Poi sono diventato ossessionato dall’idea di diventare magro, quindi per alcuni anni stavo cercando di essere molto, molto magro.
Mi ci è voluto un po ‘per cambiare idea e focalizzarmi sul ‘ voglio solo essere sano, non voglio solo essere magro’.

A quel tempo, stavo attraversando un periodo difficile – avevo davvero una forte ansia. Fu allora che lessi online che correre poteva davvero aiutare, quindi decido di provarlo. Voglio dire, dovevo migliorare anche la mia dieta perché all’epoca mangiavo probabilmente tre cibi da asporto alla settimana. È stato scioccante – ricordo che anche il mio coinquilino era rimasto scioccato ”

 

 

“Ho iniziato a correre e poi ho ottenuto un posto alla Maratona di Londra quell’anno – il che mi ha davvero costretto ad essere tipo,” giusto, devo essere davvero bravo in questo “. Ho avuto tutta l’attrezzatura e ho pensato che sarebbe stato tutto fantastico. Ma non molte persone ti raccontano il vero dolore della sua corsa e quanto effettivamente fa male, quindi ci è voluto un po ‘di tempo per adattarsi.

 

Una volta che questo ha iniziato ad avere un impatto e ad aiutare la mia salute mentale. Potrei davvero pensare alle cose più chiaramente e al lato positivo, diventando più in forma, che si è rivelato essere solo un vantaggio.

 

Questo è stato il mio passo verso il fitness. Faccio molto di più ora, ma all’inizio ero così nervoso di andare in palestra o andare a lezione, perché ero fissato a quale livello sarebbero state le altre persone. Ero nervoso anche solo per entrare nell’edificio, anche solo per iscriversi alle cose e chiedere aiuto alle persone.
È solo quella spinta, devi solo spingerti per essere coinvolto. Ora l’ho fatto, lo adoro, adoro letteralmente andare a qualsiasi nuova attività. Sono molto più sperimentale con le cose ora, sarò solo “sicuro che ci proverò”.

 

Ho trovato una lezione di spin LGBT circa un anno fa e la adoro. Siamo diventati molto socievoli, all’inizio tutti avevano quasi paura di parlarsi, penso che tutti fossero un po ‘imbarazzati, ma ora è il momento clou della mia settimana.

 

Questa è un’altra cosa: prima non avevo una vita sociale, erano solo persone di lavoro, il che è bello avere, ma volevo espandere quel cerchio.
Penso anche che mi diverta sentirmi bene e in salute, penso che sia la cosa migliore. Ora non sono così consapevole della mia taglia, o di quanto siano grandi i miei muscoli – solo se mi sento bene.

 

Mentalmente, ho imparato a controllare le cose. La corsa, in particolare, mi ha aiutato a capire la differenza tra ciò che è nella tua testa, psicologicamente, come barriera e ciò che è una vera barriera fisica. Ho imparato la differenza tra un “no che non posso fare” e un “no che non posso fare”.

 

 



Anastasiya Plocco

Anastasiya Plocco

Scrittore ed esperto


SCONTI ED OFFERTE IMPERDIBILI Scopri ora