Allenamento

Rendi realizzabili i tuoi obiettivi di gennaio con il miglior life coach di Londra

Sappiamo che molti di voi si sentiranno sopraffatti in questo momento quando penseranno a cosa volete fare nel vostro anno. Quindi, per aiutarti, abbiamo chiesto a uno dei migliori life coach del Regno Unito, Nick Hatter, di darci una guida su dove iniziare.

Ecco come questo life coach rende raggiungibili i suoi obiettivi di gennaio … 

 

Quindi, è il 2021. Questa volta lo farai accadere! Tranne che l’hai detto l’anno scorso. E quell’anno prima. Spesso 2 settimane a gennaio (o forse anche prima), ci ritroviamo a ricadere in vecchi comportamenti. Come è successo?

Forse ti ritrovi ancora a procrastinare, a non andare avanti e ancora bloccato. Ci siamo passati tutti e io sono qui per dirti che c’è una via d’uscita.

Ecco alcune domande che devi porci:

 

1. Il mio obiettivo è realisticamente realizzabile nel lasso di tempo?

Volete perdere il 10% di grasso corporeo quest’anno? È fantastico. L’ho fatto nel 2020, tranne che mi ci sono voluti più di 6 mesi, non 2 settimane. Devi essere realistico, soprattutto quando si tratta di obiettivi di fitness e soprattutto se non sei un bodybuilder professionista.

Potresti iniziare a rinunciare quando vai in palestra per una settimana o rimani a dieta per due settimane e non vedi alcun cambiamento. Cambiamenti come questo richiedono tempo, disciplina e coerenza, quindi qualunque sia il tuo obiettivo, entra con gli occhi ben aperti.

Mi rendo conto che non tutti i tuoi obiettivi saranno legati al fitness, quindi che ne dici di scrivere o pubblicare finalmente quel libro? Bene, il mio prossimo libro, Le 7 domande (in arrivo a gennaio 2022), ha impiegato circa 9 mesi per ottenere un contratto editoriale con l’impronta di un importante editore del Regno Unito. E prevedo che ci vorranno altri 3 mesi per lucidarlo!

Devi avere pazienza – che è diventata un po ‘un’arte perduta nella nostra istantanea – cultura della gratificazione. Chiediti se l’obiettivo è effettivamente raggiungibile. Perché invece non concentrarti sulla perdita di appena lo 0,5% di grasso corporeo questo gennaio? Non spararti ai piedi mirando troppo in grande troppo presto e poi restando deluso.

 

2. Come posso mantenermi regolarmente responsabile?

Come ha detto il famoso consulente aziendale Peter Drucker, “Qualunque cosa venga misurata, viene migliorata”.

Con la mia perdita di peso, ho deciso di pesarmi ogni 3 giorni (perché il peso oscilla di giorno in giorno), misurare il grasso corporeo e ho anche contato le calorie utilizzando un’app. Per semplificare il conteggio delle calorie, puoi anche arrotondare i numeri: ad esempio, se una pentola di ricotta ha 189 calorie, arrotondala a 200.

Per quanto riguarda il mio libro, mi sono posto un obiettivo giornaliero di sole 200 parole al giorno per un po ‘- ora ho scritto quasi 75.000 parole. Poco e spesso tende ad essere migliore, soprattutto nella definizione di abitudini a lungo termine.

Inoltre, vedere piccoli miglioramenti regolari nei numeri, che si tratti del tuo stacco o del ritmo di corsa, sarà qualcosa da festeggiare lungo la strada e ti manterrà motivato.

 

3. Qual è il prossimo passo più piccolo che posso fare?

Questo è semplice e tuttavia molto efficace per tagliare in modo incisivo tutto il rumore nella tua testa su cosa fare dopo. È così semplice in effetti, che è quasi buon senso. Ma poi di nuovo, il buon senso non è una pratica comune. Il cambiamento può essere liberatorio ed eccitante, ma può anche essere travolgente e stressante, anche se positivo.

Il processo di cambiamento può certamente far emergere in noi tutti i tipi di disagio, che ci porta a procrastinare. La procrastinazione è un po ‘come fare un’escursione e inciampare su un’enorme montagna sul tuo cammino e pensare: “Non c’è modo di scalarla, è troppo alto e troppo lavoro! Penso che lo lascerò per un altro giorno “.

Il problema è che devi scalare la montagna per arrivare dove stai andando. E più a lungo rimandi a scalarlo, più diventa doloroso.

Un consiglio che ho ricevuto da un docente universitario è stato quando scrivi un nuovo compito, inizia semplicemente creando un nuovo documento, assegnandogli un titolo e poi salvandolo. Se riesci a farlo, bene, sei già un passo avanti per finirlo.

Forse il prossimo passo, se sei coraggioso, è iniziare a scrivere la prima frase. Se puoi farlo, forse potresti voler finire di scrivere il primo paragrafo. E così via. Prima che tu te ne accorga, hai una palla di neve di slancio. Ma il passo più difficile? Spesso è il primo.

Alcuni giorni nel mio viaggio per perdere peso, non mi sentivo davvero all’altezza di un allenamento completo. Il perfezionista in me ha detto: ‘Vedi? Non ha senso andare in palestra. Invece, penserei a qual è il prossimo passo più piccolo che potrei fare. A volte, la risposta sarebbe semplicemente salire su un cross-trainer per 10 minuti, o semplicemente fare una passeggiata quotidiana – e basta.

Non ti sentirai sempre all’altezza di un allenamento bestiale. Fai quello che puoi con l’energia e il tempo che hai.

Per citare Naeem Callaway: “A volte il passo più piccolo nella giusta direzione finisce per essere il passo più grande della tua vita. In punta di piedi se devi, ma fai un passo. ”

 

4. Chi mi può supportare con questo obiettivo?

Potremmo aver bisogno del supporto di un compagno di allenamento o forse di un life coach come me, per aiutarci a renderci responsabili. Un ottimo life coach può sicuramente aiutarti a scoprire cosa ti trattiene davvero. In alcuni casi, potrebbe essere una dipendenza nascosta (come il cibo o la birra), o comportamenti negativi inconsci o schemi di pensiero. Potresti anche trarre vantaggio da alcune prove ipnotiche per visualizzare te stesso mentre raggiungi i tuoi obiettivi (gli studi dimostrano che in alcuni casi può essere efficace quasi quanto l’allenamento reale).

Uno studio dell’American Society of Training and Development (ASTD) ha rilevato che regolari appuntamenti di responsabilità con qualcuno per cui ti impegni aumentano le tue possibilità di raggiungere un obiettivo fino al 95%. Non è sorprendente; siamo esseri sociali e non a molti di noi piace sembrare cattivi, specialmente a qualcuno che rispettiamo.

Ho visto i miei clienti fare scoperte enormi con il life coaching. A volte tutto ciò di cui hanno bisogno è qualcuno che ponga le domande giuste, che li sostenga e, in definitiva, che sblocca il loro pieno potenziale.

Che si tratti di un personal trainer, di un life coach o di un buon amico, avere qualcuno che tenga la testa nel gioco è importante quanto correre la gara.

Le confezioni da sei non si fanno solo in cucina; sono fatti nella mente. Molti di noi allenano i bicipiti, ma quanti di noi allenano la mente?

 

Conclusione

Le rapide domande di Nick sono un ottimo punto di partenza quando stabilisci i tuoi obiettivi per mantenerli realistici, misurabili e sostenibili. Puoi applicarli a uno qualsiasi dei tuoi obiettivi quest’anno per aiutarti a rimanere in pista. Se stai cercando ulteriore aiuto, perché non dai un’occhiata alla nostra nuova sfida #RefuelYourAmbition o scopri di più su come Nick potrebbe aiutarti di seguito.

 

A proposito di Nick Hatter

Nick Hatter è uno dei principali life coach del Regno Unito ed è considerato affidabile da medici, neuroscienziati e psicologi clinici. Si è formato in programmazione neurolinguistica (PNL), psicologia positiva, psicodinamica (motivazioni inconsce) e possiede certificati in psicoterapia umana. Il suo libro, Le 7 domande, uscirà a gennaio 2022. Per saperne di più su Nick, visita www.nickhatter.com o seguilo su Instagram e Twitter.

 

 

 



Evangeline Howarth

Evangeline Howarth

Scrittore ed esperto

Evangeline ha lavorato come istruttrice di vela nella RYA e fin da giovane ha preso parte in sport competitivi. Grazie alla sua esperienza nella squadra olimpionica inglese ed avendo anche avuto il ruolo di coach e capitano nella sua prima squadra universitaria, Evangeline ha capito l’importanza di una corretta alimentazione per la pratica di sport estremi e di resistenza.

Nel suo tempo libero, Evangeline ama correre – specialmente le maratone.

Nei fine settimana, la troverai impegnata a praticare sport acquatici o a fare un’ escursione. Trascorre le sue serate preferite dedicandosi o ad una sessione HIIT o facendo squats in palestra e dopo, cenando con piatti piccanti e una tonnellata di verdure.

Scopri di più sull’esperienza di Evie qui.


NON perderti le nostre OFFERTE IMPERDIBILI Acquista ORA!