0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Alimentazione

Banane | Valori Nutrizionali E 10 Benefici Per Lo Sportivo E Non


Banane


Quella della banana rappresenta una delle più importanti produzioni alimentari del pianeta (70-80 milioni di tonnellate annue registrate dalla FAO nel 2005, mentre nel 2014 i dati statistici hanno riportato valori attorno ai 100 milioni di tonnellate).

Il maggior produttore (FAO, 2013) mondiale risulta essere l’india (27.6) seguita da Cina, Filippine, Brasile ed Ecuador che domina però il commercio il 30% del prodotto esportato proviene infatti da questo paese. I più grandi importatori sono gli Stati Uniti e l’Unione Europea che assorbe da sola quasi il 35% delle importazioni.

Etimologicamente il termine banana fa riferimento alla bacca della pianta del banano (Musa ssp.), le cui specie utilizzate oggi a scopo alimentare sono o derivano dalla Musa acuminata e Musa balbisiana.

Il termine banana sembrerebbe derivare dall’arabo banan “dito”, introdotta come pianta in America dall’Africa dai portoghesi attorno al 1500 ed introdotta come frutto in Europa soltanto 100 anni dopo nel 1600. La pianta, alta e robusta è la più grande pianta erbacea provvista di fiore.

Il frutto viene prodotto a partire da uno pseudofusto che sviluppa da un bulbo-tubero ma che, salvo in caso di varietà perenni, sarà in grado di produrre soltanto un singolo casco di banane per poi morire.

Ogni pseudofusto produce in genere una singola infiorescenza nota come “cuore di banana” da cui si svilupperà il frutto, o meglio il grappolo o casco di banane (fino a 20 frutti). Originariamente, le banane contenevano molti semi, ma ad oggi la selezione varietale ha portato piante in grado di produrre frutti senza alcun seme.


Valori Nutrizionali


Parliamo della composizione di questo frutto. Per 100g di prodotto le banane apportano circa 70 kcal distribuite in 15-16g di carboidrati (89%), 0,3 lipidi (4%) e 1,2-1,5 proteine (7%). Il contenuto di acqua rappresenta il 70-75% del frutto mentre le fibre rappresentano circa il 2%.

Tra i micronutrienti abbiamo quantitativi degni di nota di vitamina A, B1, B2, B6, C e PP mentre i minerali più rappresentativi sono potassio, fosforo, calcio e ferro.

Spesso la banana viene considerata come uno degli alimenti più ricchi di potassio, in realtà possiamo affermare che sì, ha un buon apporto di questo minerale (circa 350mg per 100g) ma come vi siano molti alti frutti, vegetali o alimenti di altro tipo a contenerne in maniera più consistente (una patata lessa ne apporta circa 570mg) (INRAN, Tabelle di composizione degli alimenti, inran.it).


Benefici Per Lo Sportivo E Non


Parliamo ora in generale delle proprietà benefiche attribuite a questo frutto andando a citare in particolare studi riguardanti lo sport. Prima di parlare di sport, facciamo una panoramica sui possibili effetti benefici della banana dettati dalla sua composizione in nutrienti, aiutandoci con una review pubblicata nel “Journal of Pharmacognosy and Phytochemistry” sugli utilizzi tradizionali e “medicinali” della banana (K.P. Sampath Kumar et al., 2012).


1. Alto contenuto di potassio


Come detto le banane sono eccellenti fonti di potassio, una sola banana contribuisce a fornire circa il 20% del fabbisogno giornaliero dello stesso.

I benefici del potassio sono esplicati a livello del muscolo ad esempio, ma diversi studi suggeriscono come possa influire sul mantenimento sulla pressione sanguigna e ridurre il rischio di infarto. Le vitamine contenute in questo frutto A (agisce nel mantenimento della salute ossea, dei denti e dei tessuti molli), vitamina B6 (effetti positivi sul sistema immunitario, cervello, cuore…), vitamina C e D.


2. Azione lassativa


I ricercatori in questa review elencano diversi effetti positivi quali possibile azione lassativa per via del contenuto in fibre, rimedio alla costipazione specie nei bambini, in grado di curare diarrea e dissenterie e di proteggere da lesioni intestinali.


3. Utili contro la malnutrizione


Può essere utile nei casi di malnutrizione specie nei bambini. Le possibili controindicazioni in relazione al consumo di banane sono legate per la maggior parte all’apporto energetico abbastanza elevato pur essendo un frutto e a quello di zuccheri (20%) dunque controindicate in caso di diabete, sovrappeso ed obesità.

banane


4. Diminuzione del rischio d’infarto


Uno studio condotto su 5600 persone sopra i 65 anni mostrò come intake di potassio al di sotto del fabbisogno o comunque ridotto fosse correlato con un incremento del 50% del rischio di infarto.


5. Aumento dell’assorbimento di macronutrienti


Per quanto riguarda i benefici legati all’apparato gastro intestinale, una ricerca pubblicata su “Digestive Diseases and Sciences” sottolineò quanto le banane fossero in grado di aumentare l’assorbimento di nutrienti, specie nei bambini, lo studio in questione venne infatti condotto su 57 neonati (5-12 mesi di vita) con diarrea persistente, dopo una settimana di dieta a base di diverse fonti di amido, le banane si dimostrarono insieme ad un marmellata a base di pectine della mela in riduzioni del 50% del volume di feci e quindi migliorando l’assorbimento degli altri nutrienti.


6. Azione anti ulcera


Altre ricerche mostrano come questo frutto possa essere di aiuto nei casi di ulcere per via del contenuto di un flavonoide in particolare, la leucocianidina in grado di migliorare lo stato delle pareti gastriche e al contempo di neutralizzare in maniera seppur contenuta l’acidità gastrica, riducendo momentaneamente i bruciori di stomaco.

L’alto contenuto in potassio inoltre come dimostrato da uno studio condotto sulla popolazione svedese coinvolgendo 61000 donne per una durata di 13 anni fosse in grado di ridurre almeno del 40% il rischio di cancro al rene, in particolare frutti come la banana si rivelarono i più efficienti non tanto per l’apporto ma per l’assorbimento netto del contenuto di potassio, donne che consumavano dalle 4 alle 6 banane a settimana mostrarono incidenza nettamente minore di problemi legati alle funzioni renali.


7. Contenuto di vitamina B6


Una banana contiene quasi il 25% del fabbisogno giornaliero di vitamina B6 necessaria per la produzione di anticorpi, sintesi degli eritrociti e metabolismo lipidico.


8.  Funzione Antidepressiva


Le banane contengono inoltre un buon apporto di triptofano precursore della serotonina nota per le proprietà rilassanti ed in grado di combattere depressione. Infine il contenuto in zuccheri semplici come glucosio, fruttosio e saccarosio accoppiato al contenuto in potassio fa sì che questo frutto venga da sempre utilizzato da atleti o chi pratica attività sportiva come aiuto per il ripristino delle scorte di glicogeno (recupero) e il bilancio di potassio (Traditional and Medicinal Uses of Banana).


9. Antionfiammatorie per il post allenamento


Uno studio ha valutato gli effetti sulla performance (allenamento di 75 km in bici da corsa), sullo stato infiammatorio post-allenamento, lo stress ossidativo e le funzioni immunitarie paragonando il consumo di banane o una bibita a base di carboidrati al 6%. I ricercatori presero in esame 14 ciclisti allenati che dovettero completare una cronometro di 75km ingerendo 0,2 g/kg CHO attingendo da banane o nel secondo caso da una bibita a base di carboidrati ogni 15 minuti.

I risultati sui parametri ematici analizzati (103 metaboliti presi in esame) mostrarono a grandi linee risultati simili tra la bibita con carboidrati in polvere e banane e come queste possano essere utilizzate efficientemente durante sport endurance come fonte di CHO (Bananas as an Energy Source during Exercise: A Metabolomics Approach).

banane


10. Azione contro i crampi


È pratica comune o comunque sentiamo spesso in ambito sportivo allenatori o preparatori che suggeriscono il consumo di banane per combattere i crampi per via del loro contenuto in potassio e carboidrati a rapido assorbimento, in effetti sbilanciamenti nel contenuto di questo minerale accoppiato a fatica dovuta ad esercizio fisico specie se prolungato possano favorire questa situazione.

Uno studio del 2012 a tal proposito ha valutato come l’ingestione di banane modificasse i livelli plasmatici di potassio e glucosio, dopo 60 minuti di esercizio fisico ad alta intensità in condizioni di alta temperatura. I ricercatori presero in esame 9 soggetti normoidratati che dovettero completare sessioni da 60 minuti di cyclette ad intensità elevata e a temperatura mantenuta attorno ai 36°C, rispettivamente dopo l’allenamento consumarono 300g (2 banane); 150g (1 banana) o nulla e vennero prelevati campioni ematici dopo 3, 5, 15, 30 e 60 minuti.

La concentrazione di potassio plasmatica variò nei tre gruppi risultando maggiore con una relazione dose risposta così come i livelli di glucosio circolante. In ogni caso i ricercatori affermarono che per rispristinare in modo ottimale le concentrazioni di potassio e glucosio circolante nei se 60 minuti post esercizio le banane possano essere considerate un buon alimento ma che in caso di performance di durata più elevata con fabbisogni aumentati dello stesso potrebbero non essere sufficienti (Plasma Potassium Concentration and Content Changes After Banana Ingestion in Exercised Men).


Conclusioni


Le banane possono pertanto essere considerate un ottimo alimento specie nell’alimentazione dei bambini, degli adolescenti e per chi pratica attività sportiva.

 


1) See Greenearth, Inc., Banana Plant Growing Info. Retrieved 2008.12.20.

2) INRAN, Tabelle di composizione degli alimenti, inran.it.

3) FAOSTAT: ProdSTAT: Crops, Food and Agriculture Organization, 2013.

4) Ramón V. Valmayor, Banana cultivar names and synonyms in Southeast Asia, Bioversity International, ISBN 978-971-91751-2-4.

5) David C. Nieman,1,* Nicholas D. Gillitt,2 Dru A. Henson,3 Wei Sha,4 R. Andrew Shanely,1 Amy M. Knab,1 Lynn Cialdella-Kam,1 and Fuxia Jin2 – Bananas as an Energy Source during Exercise: A Metabolomics Approach

6) Plasma Potassium Concentration and Content Changes After Banana Ingestion in Exercised Men Int J Sport Nutr. 1993 Mar;3(1):41-54.

7) Kevin C. Miller, PhD, LAT, ATC Plasma Potassium Concentration and Content Changes After Banana Ingestion in Exercised Men.

8) Murdoch SD1, Bazzarre TL, Snider IP, Goldfarb AH. Differences in the effects of carbohydrate food form on endurance performance to exhaustion. Int J Sport Nutr. 1993 Mar;3(1):41-54.

9) P. Sampath Kumar1*, Debjit Bhowmik2 , S. Duraivel3 , M. Umadevi4 – Traditional and Medicinal Uses of Banana – Journal of Pharmacognosy and Phytochemistry Vol. 1 No. 3



Leonardo Cesanelli

Leonardo Cesanelli

Scrittore ed esperto

Leonardo Cesanelli è un Biologo Nutrizionista (N.I. AA_080818) e Dottore in Scienze e Tecnologie Alimentari. Ha conseguito una Laurea magistrale in Nutrizion and Funcitonal Food (Biological Sciences). Tra le sue qualifiche annovera quella di Personal trainer e istruttore certificato CSEN. Attualemente lavora come libero professionista biologo nutrizionista-preparatore atletico.


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!