0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Integratori

Integratori Di Carboidrati | I Top 5 Da Conoscere


Integratori Di Carboidrati


I carboidrati o glucidi, sono (insieme a proteine e lipidi) alla base di una sana ed equilibrata alimentazione e – ancor più nello specifico – inscindibili dall’alimentazione di uno sportivo (di qualunque età, genere e per qualunque tipo di attività sportiva praticata).

I carboidrati giocano un ruolo fondamentale in 3 importantissime pathways (vie metaboliche o più semplicemente le principali funzioni alle quali prendono parte):

  1. possono essere utilizzati dalle cellule per la produzione di energia (Il glucosio è in grado di fornire energia sia alimentando la sintesi di Adenosina trifosfato (ATP) ovvero il composto ad alta energia richiesto dalla quasi totalità delle reazioni cellulari aventi luogo nel nostro corpo; sia in forma di potere riducente come NADP(H) o Nicotinammide adenina dinucleotide fosfato, usato per i pathways anabolici, come la sintesi di lipidi e colesterolo (a tal scopo è necessaria oltre che esplicativa una famosa citazione di Louis Pasteur che affermava: “I grassi bruciano al fuoco degli zuccheri”).
  2. possono essere convertiti in glicogeno ed immagazzinati nelle riserve epatiche (cioè nel fegato) e nelle riserve muscolari.
  3. nel caso le scorte di glicogeno siano sature, possono essere “trasformati” in grasso e depositati nelle riserve lipidiche sparse per l’organismo.

tonificazione-muscolare

I glucidi esercitano inoltre un’azione di risparmio proteico: se immagazzinati in quantità adeguate attraverso l’alimentazione quotidiana, l’organismo non utilizzerà a scopo energetico le proteine, metabolicamente antieconomiche ed “inquinanti” (per via della necessaria eliminazione di azoto e zolfo presenti in alcuni aminoacidi).

Proseguendo nella lettura di questo articolo scopriremo i 5 migliori integratori di carboidrati (da associare ovviamente ad uno stile di vita sano ed ad un’alimentazione equilibrata) a sostegno delle nostre attività quotidiane (sportive e non).


Carboidrati Ed Attività Fisica


Per capire l’importanza che ha il glucosio nel nostro corpo basti pensare come per il corretto funzionamento del solo SNC (sistema nervoso centrale) siano necessari circa 180 grammi di glucosio al giorno, così come per alcune cellule del sangue come gli eritrociti (i globuli rossi) e del midollo surrenale che utilizzano esclusivamente il glucosio come fonte energetica principale.

20150923-mp-germanambassadors-day1-380

L’aumento dell’introito quotidiano di carboidrati (attraverso l’alimentazione o l’integrazione) va quindi necessariamente tenuto in considerazione qualora si pratichi qualunque tipo di attività sportiva (aerobica o anaerobica); nel corso di qualunque attività fisica il nostro corpo utilizza il “glucosio” per soddisfare le aumentate richieste energetiche e supportare lo sforzo, nei classici 100 metri piani o nei sollevamenti di forza massimale – ad esempio – il nostro organismo utilizza per il 98% il sistema energetico ATP-CP che prevede l’utilizzo delle riserve di adenosina trifosfato (Le cellule non possono creare ATP dal nulla, il glucosio è quindi fondamentale per il ruolo descritto nel paragrafo precedente) e creatina fosfato per fornire energia in modo immediato.

I carboidrati sono quindi fondamentali (ancor più nella dieta di uno sportivo) per 3 principali motivi (che si “aggiungono” alle 3 vie metaboliche descritte prima):

  • Per poter supportare le funzioni vitali e garantire energia innanzitutto al sistema nervoso.
  • Per evitare l’uso delle proteine immagazzinate nei muscoli a fini energetici (inquinanti ed antieconomiche).
  • Per supportare e “ottimizzare” (in molti casi migliorare) le prestazioni.

I Migliori 5 Integratori Di Carboidrati


Tutti gli integratori di carboidrati possiedono proprietà e caratteristiche differenti: dall’indice glicemico all’osmolarità (la concentrazione di una soluzione ossia il numero di particelle in essa disciolte).

Queste differenze si traducono in diversi pro e contro dei 5 migliori integratori di carboidrati elencati di seguito (in ordine sparso).


1. Amido di orzo ceroso (CARBARLEY™)


Amido di mais cerosoL’amido di orzo ceroso – così chiamato per la somiglianza con la struttura della cera al microscopio, è un carboidrato a basso indice glicemico reperibile anche sotto altre denominazioni commerciali, ha una massa molecolare tra 500.000 ed i 700.000 dalton (di gran lunga superiore alla massa molecolare delle maltodestrine).

Tra le più interessanti proprietà nutrizionali dell’amido di orzo ceroso spicca il ridottissimo tempo di assorbimento intestinale del carboidrato, ideale quindi per la preparazione e per il recupero durante gli sport di resistenza e per molti sport di squadra oltre che per la sua efficacia nel promuovere la sintesi di glicogeno dopo qualunque esercizio fisico con sovraccarichi.


2. Maltodestrine


MaltodestrinaLe maltodestrine sono dei carboidrati complessi ossia polimeri derivanti dal processo di idrolisi degli amidi (principalmente amido di mais), con un indice glicemico pari a quello dei carboidrati semplici come il destrosio.

Tra i principali vantaggi dell’integrazione con maltodestrine rispetto alla normale alimentazione con i carboidrati contenuti negli alimenti ci sono: sapore tendente al neutro (nessun retrogusto amaro), alta solubilità in acqua, basso contenuto di sodio ed una ridotta pressione osmotica (minore rispetto a quella esercitata dai carboidrati semplici, circa 1/5 rispetto a quella esercitata dal glucosio) che consente quindi uno svuotamento gastrico più rapido (tradotto in una maggiore velocità di assorbimento).

Durante lo svolgimento di un’attività sportiva (endurance) o nel post workout (a tal proposito, leggo spesso dei post riguardanti alcuni dubbi sull’assunzione di maltodestrine nello stesso shake proteico, è un metodo valido che non condiziona in alcun modo l’ottimale assorbimento delle 2 sostanze!) di un allenamento con sovraccarichi, l’assunzione di maltodestrine può garantire un apporto costante di energia nel primo caso ed un massiccio rilascio di insulina durante la finestra anabolica nel secondo, facilitando l’ingresso dei vari nutrienti nelle cellule, incluse quelle muscolari.


3. Isomaltulosio


PalatinoseNoto col nome commerciale Palatinose, è un disaccaride (cioè un carboidrato costruito dall’unione di due zuccheri semplici) prodotto attraverso la fermentazione batterica del saccarosio (in natura si trova nella canna da zucchero e nel miele).

È caratterizzato da un basso indice insulinico e glicemico, proprietà che permettono al glucosio di entrare nel circolo ematico molto lentamente (in modo bilanciato e prolungato), evitando così bruschi picchi e successive cadute nei livelli di glucosio (e di conseguenza in quelli di insulina).

Il basso indice insulinico del Palatinose stimola inoltre l’ossidazione dei grassi durante l’attività fisica (alti livelli di insulina impedirebbero invece l’uso dei lipidi a fini energetici) e può quindi aumentare la quantità di grassi utilizzati come fonte di energia e di conseguenza le prestazioni durante sforzi prolungati.


4. Karbo-Lyn®


Karbo-Lyn®Karbo-Lyn® è un carboidrato omopolisaccaride (costituito cioè da molte sostanze monosaccaridi unite attraverso idrolisi) e composto totalmente da amido di patate, di riso e di mais.

È un integratore molto valido per via dei suoi rapidi tempi di “percorrenza” attraverso lo stomaco e viene prodotto attraverso un complesso ed innovativo processo denominato “Enzymatic Milling Process”, un processo concepito per ottenere amido di mais qualitativamente superiore (peso molecolare ottimale e buona solubilità) attraverso l’uso di frese, separatori e turbine.

Karbo-Lyn® ha un’alta osmolalità ed è totalmente privo di zucchero o dolcificanti, inoltre, non causa gonfiore (e di conseguenza neanche fastidiosi crampi addominali) tipico (varia comunque da persona a persona!) di alcuni carboidrati come destrosio e maltodestrine.
È quindi indicato come fonte di carboidrati da consumare prima o dopo l’allenamento evitando lo zucchero senza però rinunciare all’ottimale sviluppo della resistenza e del recupero fisico muscolare.


5. Amido di mais ceroso


Amido di mais cerosoNoto anche con il nome WMS (che sta per waxy maize starch), l’amido di mais ceroso è un carboidrato complesso non contenente zucchero e caratterizzato da un peso molecolare estremamente elevato.

L’amido di mais ceroso è in grado di ripristinare i livelli di glicogeno molto più velocemente del destrosio, fornendo inoltre una rapida idratazione cellulare post-assunzione; l’amido di mais ceroso viene quindi assorbito rapidamente e può essere consumato direttamente prima o durante gli allenamenti, senza causare problemi allo stomaco.

Similmente all’amido di orzo ceroso, anche l’amido di mais ceroso è indicato sia per l’assunzione nel post-workout (nel caso di allenamenti con sovraccarichi), sia per l’assunzione pre- ed intra-workout (nel caso di sport di durata).


Conclusioni


Analogamente agli integratori in polvere descritti sopra, esistono delle alternative “tascabili” in grado di agevolare l’assunzione degli stessi senza dover preparare o portar dietro uno shaker.

È infatti possibile reperire, sottoforma di barrette (consigliate nel post-workout) o di gel energetici (consigliati nel pre- ed intra-workout) svariati integratori contenenti validissime miscele di maltodestrine e carboidrati (fruttosio, destrosio, etc.) in aggiunta ad aminoacidi ramificati (che possono comunque essere aggiunti nello shaker anche per i prodotti in polvere elencati prima) e sali minerali per il reintegro del bilancio idrosalino.



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!