0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Allenamento

Pilates | Cos’è? È Utile A Chi Pratica Altri Sport?

Dallo scrittore Myprotein Roberto Flenghi, personal trainer laureato in Scienze Motorie e Sportive.


Pilates


Il Pilates nasce i primi del 900 da un’idea di J.H. Pilates, esperto acrobata e circense che (narra la leggenda) ideò questa disciplina per ovviare a dei problemi fisici che aveva fin da ragazzino (rachitismo e scoliosi) e che applicò prima ai sopravvissuti della prima guerra mondiale, e successivamente a pugili e ballerini,  con fortune alterne (fece flop con i pugili, mentre i ballerini furono la sua fortuna).

Il buon Joseph ebbe l’idea, vincente, di mescolare insieme elementi di yoga, Do-in, e ginnastica (intesa nell’accezione dei primi del novecento) e di spostare l’attenzione dal movimento in se al controllo del movimento stesso, dando grande importanza alla muscolatura profonda, la postura e in seguito alla respirazione.

La disciplina, che in origine si chiamava Contrology, si reggeva su 6 pilastri fondamentali, ognuno dei quali andava padroneggiato al meglio:

Concentrazione: mente e corpo sono strettamente legati e comunicano sempre, la prima domina il secondo, che a sua volta invia segnali e risponde migliorandosi.

Controllo: ogni parte del corpo va conosciuta e padroneggiata al meglio

Baricentro o Powerhouse: attuale più che mai è conosciuto oggi come Core, tutti i movimenti e le posizioni originano da esso

Fluidità: somma dei concetti precedenti.

Precisione: ogni sequenza del pilates va ripetuta svariate volte senza soluzione di continuità fino al raggiungimento della transizione perfetta, per fare questo l’istruttore ha bisogno di continui feedback da parte degli allievi.

Respirazione: origine e fine ultimo di tutto, deve essere precisa, controllata e deve fondersi completamente con il movimento tanto da fungere da metronomo. Nel pilates non è il respiro che segue il movimento, ma il contrario.


Un valido aiuto?

Fatte queste dovute premesse, la domanda che più spesso viene posta nei gruppi e nei forum è: “può il pilates aiutarmi se faccio Bodybuilding, powerlifting, calcio, tennis, running e chi più ne ha più ne metta?”.

La risposta è “certo che sì!!!”

Il Pilates (o Contrology se siete dei puristi) può aiutarvi in qualsiasi disciplina svolgiate, poiché i principi su cui si fonda e gli obiettivi che si pone sono presenti in tutti le attività che svolgete ogni giorno, non solo in  quelle sportive.

Avere un core forte, una respirazione profonda e corretta e una propiocezione ottimale infatti sono elementi fondamentali per un corpo umano, che ne gioverà non solo quando stacca 200 kg, quando corre una maratona o nuota, ma anche quando si lavano i piatti o si fa giardinaggio; perché un fisico equilibrato e forte tenderà ad esserlo in ogni circostanza.

esercizi di allungamento

Jay Cutler, vincitore di 4 Mr. Olympia dal 2006 al 2010, affermò in più di un’occasione di aver migliorato la separazione della propria schiena (da sempre il suo punto debole) grazie al pilates, che gli aveva permesso di ottenere un controllo muscolare che fino a quel momento si era soltanto sognato, ed è lunghissima la schiera di sportivi delle più svariate discipline che hanno usato e usano il pilates per migliorare le proprie performance di atleti e per rimanere in forma  una volta che hanno smesso di gareggiare, segno questo della sua efficacia e trasversalità.

Qualunque sia la vostra disciplina quindi, non abbiate paura di dedicare qualche seduta al mese al pilates, anche se vi sembra di perdere tempo ed energie per qualcosa che non vi serve davvero, i risultati non tarderanno ad arrivare e le vostre performance ringrazieranno; fidatevi!



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto