0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Allenamento

Camminare Fa Dimagrire | E’ Proprio Così? Tutto Svelato!

Dalla scrittrice Myprotein Chiara Fichera, laureanda in Medicina e Chirurgia.


Camminare Fa Dimagrire?


Runner o imperterriti camminatori: quale dei due vedranno ripagati impegno e sforzi?

E’ l’intensità a determinare il risultato?


✔ Corsa vs camminata

La principale differenza tra corsa e camminata, intensità dello sforzo a parte, è che nella corsa il baricentro viene continuamente spostato in verticale, aumentando il dispendio energetico, mentre durante la camminata lo spostamento è solo orizzontale, dimezzando il consumo calorico rispetto a chi corre.

Quindi a parità di km percorsi, il runner consumerà sicuramente più calorie.

Ma altri due sono i fattori determinanti il risultato finale: frequenza e costanza.

Quindi si, camminare fa dimagrire! Che sia all’aria aperta o sul tappeto, la camminata non solo ci aiuterà a ridurre il giro vita, potrà anche apportare molti benefici a livello cardiovascolare e, perché no, anche all’umore.

camminare fa dimagrire


✔ Camminata e dimagrimento

Medici e specialisti della salute concordano sul fatto che la camminata veloce sia un importante adiuvante delle diete ipocaloriche, e che permetta al corpo di bruciare grassi attinti dalle riserve fisiche.

Inoltre camminare mette in moto l’intero apparato muscoloscheletrico, migliora la capacità cardiovascolare e polmonare, riducendo così il rischio di patologie cardiovascolari, riduce lo stress e gli stati depressivi…vi state ancora chiedendo se ne valga la pena ?

Per soggetti sedentari e in sovrappeso, una lunga camminata può essere un ottimo modo di approcciarsi all’attività fisica e di ridurre il proprio peso corporeo.

Infatti la corsa, per soggetti con un BMI maggiore di 28, può essere particolarmente traumatica per le articolazioni e non adatta ad un cuore poco allenato, per cui, se si vuole ritrovare la forma fisica, fare lunghe camminate è senza dubbio un ottimo punto di partenza.

camminare fa dimagrire


✔ Progressione dello sforzo

Dopo un periodo iniziale, diventa però indispensabile aumentare l’intensità dello sforzo fisico, aumentando la velocità del passo o dedicandosi alla camminata in salita, decisamente più faticosa di quella in pianura.

In ogni caso, bisognerebbe raggiungere la cosiddetta “zona di endurance”, in cui la frequenza cardiaca è compresa tra il 60 e il 70% della frequenza cardiaca massima, raggiungibile camminando ad una velocità compresa tra i 5 e gli 8km/h.

Se avete a portata un cardiofrequenzimetro, capire se state tenendo il passo giusto sarà semplice; esistono tuttavia dei piccoli segnali che ci possono aiutare a capire se la camminata sta effettivamente producendo il risultato desiderato: un respiro leggermente pesante, ma che ci permette di intrattenere una conversazione, e una leggera sudorazione sono chiari indici che il nostro corpo è a lavoro!

camminare fa dimagrire


Piano di Allenamento


Per quante tempo mantenere questo ritmo? Dopo un “riscaldamento” a passo normale, la camminata sportiva andrebbe protratta per almeno 30-50 minuti; può esser utile partire con tempi brevi, magari fermarsi a riposare e riprendere (consiglio valido ovviamente per le persone in forte sovrappeso), in modo da aumentare la propria resistenza e poter così prolungare il più possibile tale esercizio.

Ma più riuscirete a camminare in modo continuativo, migliori saranno i risultati.

E’ infatti dimostrato che una lunga camminata apporti più benefici che percorrere gli stessi passi a intervalli durante la giornata; ad ogni modo, se non è possibile fare lunghe camminate, è sempre preferibile fare più passeggiate durante la giornata, anche se brevi, che non farne affatto.

camminare fa dimagrire

Ricordate, quello che paga sempre è la costanza!

Non sarà una camminata a settimana, magari la domenica mattina dopo una bella colazione con cornetto e cappuccino, a restringere il vostro punto vita. Se volete risultati…dovete sudare!

Dal momento che la camminata sportiva può essere considerata a tutti gli effetti uno sport, potrebbe essere utile seguire un “piano di allenamento”, soprattutto per tutte quelle persone che si approcciano per la prima volta al mondo dello sport.

Un buon modo per iniziare potrebbe essere quello di alternare 60 secondi di camminata veloce a 60 secondi a passo più moderato per i primi 5 minuti, per poi continuare alternando 60 secondi a passo veloce a 30 secondi a passo più blando fino alla fine dell’allenamento, il quale si concluderà con altri 5 minuti ad andatura normale ed esercizi di stretching.

Ovviamente mai esagerare, soprattutto se si è sempre condotta una vita sedentaria; in caso di forte sovrappeso meglio non superare i 2 km di camminata tre volte la settimana, permettendo al corpo di abituarsi al nuovo ritmo per poi aumentare progressivamente chilometraggio e frequenza.


Conclusioni e Consigli Finali


Per quanto la camminata possa essere un ottimo metodo per dimagrire, non bisogna mai trascurare l’alimentazione: non si può pensare di abbuffarsi a tavola per poi recuperare tutto camminando; è essenziale contenere il consumo di cibi ipercalorici, ricchi di grassi e di zuccheri semplici.

Poiché il dimagrimento avviene quando il consumo calorico è superiore all’introito, teoricamente iniziando una qualsiasi attività fisica, mantenendo inalterata l’alimentazione, piano piano l’ago della bilancia inizierà a scendere; se decideste invece di curare anche l’alimentazione, il dimagrimento sarà ovviamente molto più veloce.

Quindi camminate, camminate e ancora camminate: approfittate di ogni sprazzo di sole ma non fatevi intimidire da condizioni climatiche non ottimali…ne gioverà la bilancia ma anche l’umore!

Riferimenti



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


COMPLEANNO MYPROTEIN 40% SU TUTTO Scopri ora