Alimentazione

I migliori rimedi contro le sbronze studentesche

L’unico lato negativo del trascorrere una bellissima serata è il risveglio la mattina dopo. Avete tanto da sbrigare, ma vi sentite come se vi fosse passato sopra un treno? Cosa dovrebbe fare uno studente in questi casi? Abbiamo qui una breve guida sui migliori rimedi (e precauzioni) contro le temute sbronze studentesche.

Acqua

Mentre vi preparate per uscire, lasciatevi accanto al letto un bel bicchiere d’acqua per quando rientrate. Un bicchiere da una pinta può andare, ancora meglio se avete la bottiglia Myprotein da un gallone. Bevetene un bel sorso al vostro rientro: darete al vostro organismo buone possibilità di evitare tutta quella sofferenza. Apprezzerete inoltre il fatto di avere qualcosa da bere appena alzati.

La scienza: Le proprietà dell’alcol fanno sì che questo risucchi tutta l’acqua contenuta nell’organismo. Oltre a farvi sentire deboli, ciò può arrecare forti emicranie se l’acqua viene assorbita dalle zone circostanti il cervello. Più acqua date al vostro organismo, minori saranno i danni procurati dall’alcol nel risucchiarla.

I migliori rimedi contro le sbronze studentesche

 Elettroliti

Con una sbronza bella e buona, il sangue rischia di perdere elettroliti essenziali. Questo provoca una sensazione di malessere, è quindi meglio rimpiazzarli subito per diminuire i sintomi. Fortunatamente li potete trovare in numerosi sport drink, così come nell’acqua di cocco e nei medicinali contro la disidratazione, come Dioralyte.

La scienza: I principali elettroliti che ci fanno sentire sani sono il sodio, il potassio, il magnesio, il calcio, il cloruro, l’idrogeno fosfato e il bicarbonato. L’alcol fa in modo che questi vengano sfruttati dall’organismo a una velocità molto maggiore del normale. Farne rifornimento aiuterà l’organismo a convertire ed espellere le tossine con cui l’alcol lo ha crudelmente riempito.

Zenzero

Lo zenzero fresco viene adoperato da migliaia di anni come rimedio contro la nausea. Le proprietà della sua robusta radice aiutano a dare sollievo allo stomaco. Fortunatamente per il budget degli studenti, lo zenzero si conserva a lungo. Potete comprarne in buone quantità all’inizio del semestre se si prospettano numerose sbronze.
Con un cucchiaino mescolate qualche pezzo di zenzero con lo zucchero di canna per creare una potente infusione contro la sbronza. In alternativa, potete masticare dello zenzero cristallizzato.

La scienza: Noto come “carminativo”, lo zenzero aiuta l’organismo a dare sollievo all’apparato digerente e a rimuovere l’accumulo di gas che rischia di arrecare dolore e gonfiore.

Assunzione di alimenti

Anche se il solo pensiero del cibo vi fa venire il voltastomaco, mangiare qualcosa abbrevierà il processo di guarigione. I migliori cibi da consumare sono gli alimenti ad alto contenuto calorico ma facilmente digeribili. A colazione è quindi consigliabile mangiare una banana.

La scienza: Il vostro organismo sfrutta molta energia nel cercare di espellere le tossine che vi siete procurati. Mangiare qualcosa farà ricaricare il motore della guarigione. I cibi molto grassi sono più difficili per l’organismo da scomporre. Un oleoso panino con la salsiccia richiederà al corpo un notevole sforzo (con il rischio di essere rigettato dall’organismo concentrato sulla sbronza in corso); mentre gli alimenti ad alto contenuto calorico e pochi grassi, come le banane, daranno una botta di energia al vostro organismo, contribuendo alla ripresa.

Nessun tag



Chiara Strano

Chiara Strano

Scrittore ed esperto


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!