0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Alimentazione

I Carboidrati Fanno Ingrassare? | Sfatiamo un Mito


I Carboidrati Fanno Ingrassare?


Attraverso questo articolo cerchiamo di sfatare il mito che i carboidrati facciano ingrassare e li riportiamo nella giusta posizione nella catena alimentare, ovvero al vertice di essa, data la loro importanza ed essenzialità in una dieta sana, varia ed equilibrata.


Equilibrata


Mi soffermo su questo aggettivo poiché è il cardine del falso mito che i carboidrati facciano ingrassare. E’ chiaro che se ne mangiamo in quantità esagerate e non necessarie al nostro fabbisogno, qualora il nostro obiettivo sia quello di perdere qualche chilo o grammo di massa grassa del tessuto adiposo, i carboidrati fanno ingrassare. Ma così come i grassi e come le proteine, la giusta proporzione è fondamentale quando si parla di alimentazione.


Da Carboidrato a Energia


I Carboidrati Fanno IngrassareIn occasione di un pasto, il glucosio ricavato dalla digestione dei carboidrati è assorbito attraverso le pareti intestinali e immesso nel circolo sanguigno, che lo trasporta alle cellule delle varie parti del corpo. Le cellule in presenza di elevati livelli di glucosio nel sangue, sono stimolate ad “intrappolarlo” per trasformarlo poi in energia attraverso la glicosi, demolizione del glucosio per traformarlo poi in energia.

Se il glucosio eccede le quantità necessarie si trasforma invece in glicogeno, utilizzato dal nostro organismo come riserva di energia, ed accumulato soprattutto nei muscoli e nel fegato. Tra un pasto e l’altro i livelli di glucosio si abbassano e questo induce il corpo ad utilizzare il glicogeno accumulato come fote di energia, in modo da mantenere sempre attive le funzione di corpo e cervello.


La Scelta dei Carboidrati


I Carboidrati Fanno IngrassareIl primo criterio di scelta dovrebbe essere lo scopo di tale assunzione. Ovvero se mi aspetta uno sforzo immediato, o distante dal momento dell’assunzione, breve o protratto nel tempo ecc.

Per sforzi vicini nel tempo al momento dell’assunzione sono preferiti carboidrati semplici come ad esempio miele, fruttosio, maltosio ecc. Mentre per sforzi posteriori di molto all’assunzione sono da preferirsi carboidrati complessi, esempio patate, riso, pasta o avena sotto forma di fiocchi o farina.


Le Tipologie Nello Specifico


Come accennato i carboidrati non sono tutti uguali, cerchiamo quindi di capire il perchè.

I carboidrati, glucidi o zuccheri che dir si voglia, si dividono in semplici e complessi. Gli zuccheri semplici sono i monosaccaridi (mono = uno) e i disaccaridi (di = due). I primi sono costituiti da una sola molecola. Sono degli esempi il glucosio, lo zucchero che si trova nel sangue ed il fruttosio, lo zucchero della frutta. I secondi sono costituiti appunto da due molecole, ad esempio saccarosio, lattosio e maltosio, gli zuccheri rispettivamente da cucina, del latte e dei cereali.

Gli zuccheri complessi o polisaccaridi (poli = molti), sono costituiti da molte molecole e comprendono l’amido e la fibra alimentare. Esistono anche gli oligosaccaridi (oligo=pochi), ma non avendo rilevanza alimentari non saranno approfonditi da questo articolo.


I Motivi della Scelta


Gli zuccheri complessi, a differenza di quelli semplici, vengono assorbiti e utilizzati lentamente, evitando bruschi innalzamenti del livello di glucosio nel sangue (la famosa “glicemia”), con conseguente minore secrezione di insulina, l’ormone che permette l’utilizzazione del glucosio da parte del corpo.

Una dieta che eviti picchi glicemici ove non necessario, ad esempio in assenza di uno sforzo fisico intenso e ravvicinato da fare, riduce l’appetito e aiuta a mantenere un livello di energia sempre bilanciato e mai carente o sovrabbondante.  Con questo approfondimento appare ora chiaro il perchè la scelta dei carboidrati e fondamentale, soprattutto per chi si alimenta in previsione di gare, allenamenti e performance sportive.

I Carboidrati Fanno Ingrassare


Nota sull’Apporto Energetico


Amido e zuccheri hanno un valore calorico di 4 kcal per grammo, mentre i polialcoli, come ad esempio il sorbitolo, presenti in piccola quantità nella frutta e in molte caramelle e gomme da masticare nelle quali sostituiscono in tutto (gomme o caramelle senza zucchero) o in parte gli zuccheri disponibili, hanno un minor apporto calorico, vicino a 2,4 kcal per grammo.


Conclusioni


In una dieta sana ed equilibrata i carboidrati non dovrebbero mai mancare, essendo la principale “benzina” per il nostro “motore”. Soprattutto nell’alimentazione degli sportivi, che necessitano di energia pronta all’uso durante tutto l’arco della giornata. Chiaramente devono essere accompagnati nelle giuste proporzione da proteine e grassi, sempre tenendo bene a mente l’obiettivo da raggiungere. Sono fondamentali per questo gli integratori o i prodotti contenenti carboidrati per coloro che intando raggiungere risultati nei più disparati ambiti sportivi



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


CORRI A SCOPRIRE I NOSTRI SCONTI IMPERDIBILI Visita ora