0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Integratori

Vitamina B6 | Quali sono i benefici? In quali alimenti si trova?

La vitamina B6, nota anche come piridossina, è una vitamina idrosolubile (si dissolve cioè a contatto con l’acqua) appartenente alle vitamine del gruppo B, queste ultime – “lavorando” in sinergia – contribuiscono a convertire gli alimenti che assumiamo in energia ed hanno quindi un ruolo chiave nel corretto metabolismo.

Nello specifico, la vitamina B6 svolge svariate funzioni all’interno del nostro organismo ed è coinvolta in più di cento reazioni enzimatiche, principalmente correlate al metabolismo degli aminoacidi e alla formazione di globuli rossi sani. La vitamina B6 è inoltre necessaria per la sintesi delle catecolamine (o neurotrasmettitori) serotonina e norepinefrina oltre che per la formazione della mielina, una sostanza che funge da guaina midollare delle fibre nervose e che ha funzioni protettive ed isolanti per le strutture di conduzione degli stimoli nervosi.

Vitamina B6 | Quali sono i benefici? In quali alimenti si trova?

 

Benefici

 

Il coinvolgimento della vitamina B6 in un così elevato numero di reazioni enzimatiche comporta anche svariati benefici per l’organismo a 360 gradi, dall’apparato cardiovascolare alla pelle.

  • L’assunzione di vitamina B6 contribuisce a mantenere un corretto equilibrio ormonale sia maschile che femminile (anche in presenza del ciclo mestruale); è un modulatore degli ormoni steroidei ed è quindi molto utile per contrastare il malessere causato da alterazioni ormonali di vario genere oltre che i classici stati di nausea e vomito che si presentano durante la gravidanza. Può inoltre essere utile per trattare alcuni casi lievi di depressione (il consulto medico è sempre fondamentale!), stanchezza ed emicrania.
  • L’assunzione di vitamine del gruppo B (come acido folico, vitamina B12 e vitamina B6) pare possa ridurre il rischio di CVD (malattie cardiovascolari) regolando (diminuendo) i livelli di omocisteina totale (tHcy) nel sangue, ed evitando il verificarsi di una condizione medica denominata iperomocisteinemia, la quale costituisce un fattore di rischio per le CVD.
  • Uno studio del 2010 pubblicato su The Journal of American Medical Association ha evidenziato come l’assunzione di vitamina B6 ed un maggiore livello ematico di questa vitamina, siano in grado di ridurre significativamente il rischio di tumore del colon-retto.
  • La vitamina B6 è riconosciuta a tutti gli effetti come terapia nel trattamento dell’anemia sideroblastica, un gruppo di anemie dove l’organismo pur disponendo del ferro necessario, non è in grado di incorporarlo nella molecola di emoglobina.
  • Rappresenta un valido diuretico naturale e contribuisce ad evitare la ritenzione idrica risultando quindi molto utile nella perdita di peso.
  • La condizione di iperomocisteinemia aumenta, oltre al rischio di CVD, il rischio di degenerazione maculare: una malattia che colpisce la retina provocando un’alterazione e riduzione della funzionalità della zona centrale; la vitamina B6 ed altre vitamine del gruppo B contribuiscono a diminuire, come abbiamo già visto, i livelli di omocisteina e a salvaguardare la vista.
  • La Vitamina B6 può garantire la corretta metabolizzazione di proteine e glicogeno oltre a garantire un corretto funzionamento del sistema immunitario ed un continuo supporto al metabolismo energetico.
  • Una dose di circa 10mg al giorno (da assumere sempre previo consulto medico) sembra avere effetti favorevoli nel contrasto ad acne e dermatite eczematosa.

 

Vitamina B6 | Quali sono i benefici? In quali alimenti si trova?

Carenza

La carenza di vitamina B6 negli adulti si manifesta solitamente a carico dei nervi periferici (a causa dell’importanza che la vitamina B6 ricopre nella sintesi dei neurotrasmettitori) oltre che sulla pelle, sulle mucose e sulle cellule ematiche; nei bambini è invece coinvolto anche il sistema nervoso centrale (SNC) dando origine a manifestazioni ben più gravi.

Un deficit lieve di vitamina B6 è spesso comune e si verifica, in modo asintomatico e non del tutto rischioso, in associazione a leggere carenze di altre vitamine del gruppo B. Seppur una leggera carenza potrebbe passare inosservata per anni, un peggioramento di tale condizione potrebbe portare al manifestarsi di svariate forme di anemia, disturbi della pelle (acne e dermatite), depressione e indebolimento del sistema immunitario.

Fonti

 

La vitamina B6 è facilmente reperibile negli alimenti di uso comune, si trova principalmente in carne, pesce, cereali poco raffinati (il germe di grano contiene 3 mg di Vitamina B6 ogni 100 g, circa il doppio della razione consigliata ma non per questo nociva o tossica!), leguminose e noci. Tuttavia, in molti alimenti di origine vegetale la vitamina B6 si trova legata a composti non proteici (glicosidi), non viene quindi idrolizzata dagli enzimi intestinali e ciò la rende inutilizzabile, pertanto, è disponibile in maggiore quantità solo negli alimenti di origine animale.

Vitamina B6 | Quali sono i benefici? In quali alimenti si trova?In conclusione

 

Come abbiamo visto, una carenza delle vitamine del gruppo B (e più in generale degli altri gruppi) potrebbe, a lungo termine, influire negativamente sulle nostre condizioni di salute e sul nostro stato mentale (concentrazione in primis). Oltre ad integratori contenenti vitamina B6, come l’utilissimo ZMA (che in ambito sportivo, tra i tanti benefici apportati, aiuta a stimolare la produzione di testosterone e IGF-1) sento di consigliarvi anche l’integrazione 365 giorni l’anno con un valido e completo multivitaminico (possibilmente evitando i prodotti tanto pubblicizzati quanto costosi, spesso pieni di ingredienti inutili e dannosi a lungo termine), l’organismo ringrazierà!

Nessun tag



Chiara Strano

Chiara Strano

Scrittore ed esperto


Non Lasciarti Scappare le Offerte di Oggi! Affrettati! Compra ora!