0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Allenamento

Dolori Alle Articolazioni Delle Mani | Tipologie, Sintomi E Rimedi

Dalla scrittrice Myprotein Chiara Fichera, laureanda in Medicina e Chirurgia.


Dolori Alle Articolazioni Delle Mani


Le mani, sempre in movimento…qualunque cosa facciate, esse raramente riposano!

Nonostante le dimensioni sono una delle parti anatomiche più strutturate del corpo e quindi più esposte all’usura.

Quando esse vengono colpite da disturbi più o meno importanti, l’evento può esser recepito con particolare fastidio dal momento che siamo sempre abituati a poter contare su di esse per svolgere le nostre attività quotidiane e relazionarci con il mondo: doverne fare a meno provoca sicuramente un grande disagio, per cui è essenziale curarne la salute e l’integrità.

Dolori alla mano, al polso, alle articolazioni delle dita, formicolii, intorpidimenti, gonfiore, rigidità, a volte si può arrivare perfino a perderne la mobilità: le donne sono senza dubbio quelle che ne soffrono più spesso, complice un maggior e più veloce declino della massa ossea rispetto agli uomini, determinato dal diverso assetto ormonale che le predispone a sviluppare una carenza di calcio.

Spesso il dolore alle mani è dovuto all’uso eccessivo di queste in ambito lavorativo, ma nonostante ciò, esso può rappresentare la prima spia di una patologia ben più importante per cui non va mai sottovalutato.

Purtroppo è spesso un dolore aspecifico e le sue caratteristiche non sempre rendono possibile porre facilmente la giusta diagnosi; è quindi importante imparare a individuare le strutture da cui esso può avere origine, al fine di aiutare il medico nella sua indagine diagnostica.


Cenni Anatomici


La mano è costituita da queste parti.

  • Carpo: la parte più vicina al polso, formata da due file di piccole ossa e stabilizzata dal legamento trasverso del carpo, al di sotto del quale si forma il ben noto “tunnel carpale”, nel quale decorrono il nervo mediano, i vasi e i tendini flessori delle dita
  • Metacarpo: formato da cinque ossa che si articolano con le ossa del carpo e con quelle delle dita
  • Falangi: sono le ossa che formano le dita: 14 per mano, 3 per ogni dito, con l’eccezione del pollice che ne ha solo due.

Oltre che dalle ossa, la mano è formata da un insieme di muscoli che si trovano a livello del palmo della mano, divisi in tre gruppi: laterale, mediale e intermedio.


Tipologie Di Dolore


A seconda della causa, un dolore alle mani può essere acuto, che si sviluppa in poco tempo, o cronico, che si manifesta in modo progressivo e persistente; può essere localizzato o estendersi a tutta la mano e alcune volte può esser tale da risultare invalidante.

Il dolore alla mano può quindi essere provocato da patologie che colpiscono una o più delle strutture che la formano; tra le cause più comuni abbiamo i seguenti.

  • Artrosi: patologia cronica degenerativa tipica dell’età avanzata, dovuta all’usura e all’appiattimento delle cartilagini articolari. La sua incidenza sembra maggiore in tutte quelle categorie di persone che svolgono lavori che comportano un elevato carico meccanico a livello articolare a causa di sollecitazioni anomale e ripetute nel tempo. Oltre al dolore che tipicamente colpisce l’articolazione interessata, possono esserci rigidità e limitazione delle capacità funzionali e motorie.

 

hands-make-a-heart

  • Artrite: patologia infiammatoria che può esser conseguenza di infezioni, patologie autoimmuni o metaboliche come la gotta. Oltre al dolore, sintomi spesso presenti sono il gonfiore, l’arrossamento e la rigidità.

 

  • Sindrome del tunnel carpale: dovuta a compressione del nervo mediano dovuta ad un restringimento del tunnel carpale, frequente nelle donne gravide, che si manifesta inizialmente con formicolio e intorpidimento delle prime tre dita della mano, soprattutto la notte. Sebbene le cause non siano molto chiare, alcune condizioni come la gravidanza, l’uso di contraccettivi orali e l’artrosi, sembrano predisporre a tale patologia. Può provocare alterazioni degenerative che, nel caso in cui non rispondessero a terapia medico-riabilitativa (antinfiammatori e  polsiera), necessiteranno di trattamento chirurgico.

 

  • Malattia di Quervain: patologia dovuta a infiammazione della guaina che riveste i tendini del pollice, che si manifesta con dolore al polso secondario a movimenti del pollice. Tale patologia colpisce prevalentemente soggetti che, spesso a causa del lavoro, sono obbligati a compiere movimenti ripetitivi. Anche in questo caso la terapia si avvale di antinfiammatori, tutore e, qualora fosse necessario, intervento chirurgico.

 

  • Dito a scatto: patologia che si manifesta con dolore al palmo della mano e con una flessione delle falangi delle dita, dovuta alla formazione, lungo il decorso dei tendini flessori, di piccoli noduli che ne impediscono uno scorrimento normale.

 

  • Artrite reumatoide: patologia infiammatoria cronica e degenerativa, provocata da una risposta autoimmune diretta contro la capsula sinoviale che riveste le articolazioni, che si manifesta con dolore, rigidità e gonfiore, soprattutto al mattino. Ad oggi, per essa non esiste ancora una terapia che permetta una guarigione completa e porta inesorabilmente alla progressiva deformazione ed anchilosi articolare, potendo assumere un carattere altamente invalidante.

 

  • Sclerosi multipla: patologia degenerativa del sistema nervoso, causata da una progressiva perdita della mielina che ricopre le fibre nervose e che svolge un ruolo importantissimo nella trasmissione degli impulsi nervosi. Tale patologia ha una sintomatologia molto complessa che include anche dolore, intorpidimento e difficoltà motorie ad arti e mani.

 

Oltre queste, molte altre patologie possono esser causa di dolore alla mano: dal diabete alla fibromialgia.

Nonostante ciò, non sempre i dolori alle mani hanno cause patologiche, esistono infatti condizioni che possono scatenare tale disturbo ma che non costituiscono un rischio per la salute.

  • Freddo: una temperatura bassa provoca vasocostrizione che, se particolarmente marcata, determina una riduzione del flusso sanguigno nei distretti periferici e l’insorgenza del dolore.

 

  • Ormoni: le donne in menopausa, gravidanza o allattamento, periodi in cui si verificano cambiamenti ormonali di una certa importanza, per cause non ancora chiare, sono più predisposte all’insorgenza di questo fastidio.

hands-1579237_960_720


Sintomi


I dolori alle mani spesso si associano ad altri sintomi: formicolii, gonfiore, prurito, mancanza di forza (ipostenia), dolori ad altre articolazioni, sintomi sistemici come la febbre.


Rimedi


Poichè non si può parlare di patologia ma di sintomo, la valutazione del dolore alle mani è di competenza prettamente medico/ortopedica e può essere indicazione all’esecuzione di indagini diagnostiche di laboratorio e strumentali (analisi del sangue, radiografia o risonanza magnetica).

Sarà cura del medico, dopo aver posto la diagnosi, prescrivere la terapia più adeguata. Questa solitamente prevede la somministrazione di FANS (antinfiammatori non steroidei), paracetamolo, corticosteroidi, e può essere affiancata all’uso di tutori e polsiere che, in alcuni casi, svolgono un ruolo veramente importante nella gestione della patologia di base.

Anche in questo caso, quindi, il “fai da te” è sempre sconsigliato!

Riferimenti



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


CORRI A SCOPRIRE I NOSTRI SCONTI IMPERDIBILI Visita ora