0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Alimentazione

Calcolo delle Calorie degli Alimenti | Come Si Fa?

Calcolo delle Calorie degli Alimenti

In un mondo in continua evoluzione (tecnologica e non solo), chiunque sia in possesso di uno smartphone (o computer) e dell’app giusta può facilmente calcolare e tenere traccia delle calorie assunte nell’arco della giornata (myfitnesspal è in assoluto una delle più popolari).

Tuttavia, potrebbe sempre tornare utile (ad esempio nel caso di batteria scarica) imparare e tenere sempre a mente il “metodo” per poter calcolare velocemente il valore calorico di un alimento conoscendo soltanto il peso di carboidrati, proteine e grassi in esso contenuti, senza quindi l’ausilio di alcuna tecnologia (eccetto una calcolatrice nel caso in cui la matematica non sia il vostro punto di forza!).

Calcolo delle Calorie degli Alimenti | Come Si Fa?

Un po’ di fisica

Il metodo che consente la misurazione del valore calorico di un alimento prevede l’uso di uno strumento chiamato calorimetro (o bomba calorimetrica di Mahler), il principio di funzionamento di tale dispositivo consiste nell’inserire una quantità prestabilita dell’alimento in una camera satura di ossigeno; una volta innescato il processo di combustione, il calore prodotto viene ceduto all’acqua circostante e registrando la variazione di temperatura di quest’ultima è possibile stimare con precisione il valore calorico dell’alimento.

Una kilocaloria equivale all’energia necessaria per innalzare la temperatura di un Kg di acqua da 14.5° a 15.5° gradi (una caloria equivale invece all’energia necessaria per innalzare la temperatura di un grammo di acqua).

Calcolo delle calorie di un alimento

Per tornare al tema dell’articolo vediamo adesso come calcolare le calorie di un alimento partendo dal peso di carboidrati, proteine e grassi in esso contenuti; per poter procedere bisogna però tenere a mente i numeri di questa tabella:

Macronutrienti Valore energetico per grammo (Kcal per grammo)
Carboidrati 4 Kcal/g
Proteine 4 Kcal/g
Grassi 9 Kcal/g

Per il calcolo delle calorie non ci resta che moltiplicare i valori della tabella per ogni grammo dei macronutrienti presenti nell’alimento, ecco un esempio:È importante precisare che i valori indicati nella tabella siano frutto di uno studio condotto dal chimico Wilbur Olin Atwater, che misurò (correva l’anno 1896) per la prima volta l’energia liberata dagli alimenti all’interno dell’organismo; il risultato evidenziò come l’organismo riesca ad assorbire il 97% dei carboidrati, il 95% dei grassi ed il 97% delle proteine animali (78% per le proteine vegetali, variazione dovuta al diverso contenuto profilo aminoacidico) assunte attraverso la dieta.

Un esempio

Un brownie proteico contiene 23 grammi di proteine, 9.7 grammi di grassi e 27 grammi di carboidrati.

1. Moltiplichiamo i 23 grammi di proteine per 4 Kcal/g (come da tabella sopra), il risultato è di 92 Kcal fornite dalle proteine.

2. Moltiplichiamo ora i 9.7 grammi di grassi per 9 Kcal/g, il risultato è di 87,3 Kcal fornite dai grassi.

3. Moltiplichiamo adesso i 27 grammi di carboidrati per 4 Kcal/g, il risultato è di 108 Kcal fornite dai carboidrati.

4. Sommiamo infine i tre risultati: 92 più 87.3 più 108, il risultato è di 287,3 Kcal totali.

Attraverso questo metodo è inoltre possibile valutare (anche ad occhio) se un alimento sia ben bilanciato nel valore calorico dei macronutrienti, nel caso del brownie proteico il risultato è più che positivo con un rapporto di quasi 1:1:1.

Qualche considerazione

I valori della tabella sopra (pur essendo precisi ed affidabili) rappresentano un valore medio e sono quindi soggetti ad alcune variazioni (fino al 10%) causate da uno o più fattori, ecco qualche caso particolare:

1. Le calorie sviluppate da grassi (di origine suina) sono circa 9.5 Kcal/g, quelle sviluppate da grassi vegetali sono invece 9.3 Kcal/g.

2. Le calorie sviluppate da grassi (provenienti dal latte materno umano) sono circa 9.37 Kcal/g, quelle sviluppate da grassi (provenienti dal latte bovino) sono invece 9.19 Kcal/g.

3. Le calorie sviluppate da carboidrati (monosaccaridi, ad esempio il fruttosio) sono 3.75 Kcal/g mentre quelle sviluppate da carboidrati (polisaccaridi, ad esempio l’amido) sono 4.20 Kcal/g.

È evidente come la composizione di ogni alimento possa variare nel contenuto dei macronutrienti (ad esempio una mela può essere matura o un filetto di manzo può essere più grasso del solito), questo dimostra come il calcolo esatto del valore calorico di un alimento possa svolgersi solo in un laboratorio specializzato.

PS.

A meno che non stiate seguendo una dieta ipocalorica o parecchio restrittiva è importante focalizzare l’attenzione prima sul contenuto di ciascun macronutriente assunto e solo dopo sulle calorie di ogni alimento (ancor di più se praticate sport).

Infatti, potrebbe risultare controproducente impostare una dieta basandosi soltanto sulle calorie totali (e/o per pasto) senza tenere in considerazione importanti fattori come il fabbisogno proteico, la quantità di carboidrati e grassi per pasto, etc.



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


SCONTI ED OFFERTE IMPERDIBILI Scopri ora