0
Carrello

Al momento non ci sono articoli nel tuo carrello

Alimentazione

Alimenti Da Evitare | 5 Cibi Che Non Ti Aiutano A Stare In Forma


Alimenti Da Evitare


Chi pratica con costanza ed impegno una qualsiasi attività sportiva ben sa che una corretta alimentazione è parte integrante dell’allenamento: mangiare correttamente, non solo consente di raggiungere i risultati estetici tanto ambiti, ma permette al corpo di lavorare nelle condizioni ottimali e ottenere in tal modo obiettivi sempre migliori, allenamento dopo allenamento.

La “dieta” dello sportivo, intesa come stile di vita e non come privazione di cibo (un atleta deve mangiare tanto!), a volte può risultare difficile da seguire senza cedere in pericolose tentazioni. Spesso però, se si conduce una dieta equilibrata e si svolgono allenamenti costanti, ci si possono concedere molte più eccezioni di quanto non si pensi, a patto di evitare solo alcuni cibi “proibiti”.

Diverse sono le esigenze alimentari di atleti che praticano diversi sport, così come diverse sono le abitudini a seconda del metabolismo, delle caratteristiche fisiche e dei gusti di ciascuno. Una generica dieta, valida per qualsiasi atleta e per chiunque voglia mantenersi in forma, potrebbe iniziare con “elimina questi 5 alimenti”.


1. Bevande zuccherate

Sono ricche, anzi ricchissime, di zuccheri che causano elevati picchi glicemici con il conseguente stimolo del metabolismo ad assimilare grassi nel tessuto adiposo. Il quantitativo di zuccheri, talvolta, è così alto (una lattina può contenere l’equivalente di 10 cucchiaini di zucchero!) che il contributo alle calorie giornaliere derivante da queste bevande è per nulla trascurabile.

Le calorie fornite, inoltre, sono spesso defnite “vuote”, in quanto non sono accompagnate da micronutrienti come vitamine e sali minerali, assenti negli alimenti considerati.

Le conseguenze sono pertanto: aumento del tessuto adiposo, squilibrio del metabolismo causato da una elevata glicemia e limitazione di micronutrienti essenziali, che verrebbero invece assunti consumando altre bevande più sane.

✔ 33 cl di cola di marca generica: 139 Kcal, 33 g di zuccheri, 0 g di proteine, 0 g di grassi.

alimenti da evitare


2. Fritti

I grassi, si sa, contengono molte calorie rispetto a proteine e carboidrati (9Kcal/grammo per i grassi, contro le 4Kcal/grammo per le proteine e i carboidrati); l’importante è non eccedere con le dosi, cosa che risulta difcile quando si parla di cibi fritti.

Inoltre, l’olio usato è spesso di scarsa qualità, viene riutilizzato più volte e portato a temperature così alte da determinare una denaturazione delle strutture molecolari dei lipidi, distruggendo tutti i micronutrienti, come le vitamine, naturalmente presenti nell’olio crudo, e rendendo addirittura cancerogeno l’alimento.

Il risultato? Alimenti ipercalorici scarsi dal punto di vista nutrizionale e in certi casi nocivi. I cibi fritti sono infne estremamente lenti da digerire e comporterebbero un senso di pesantezza e stanchezza anche durante allenamenti svolti dopo diverse ore dal pasto.

✔ 100 g di patatine fritte: 315 Kcal, 15 g di grassi, 41 g di carboidrati, 3,4 g di proteine.

gourmet-809866_960_720


3. Salumi insaccati

I salumi si dividono in insaccati (salsiccia, salame, cotechino…) e non insaccati (prosciutto, bresaola, speck,…).

Per quanto riguarda i non insaccati, essi possono rientrare in una dieta equilibrata, a patto di fare attenzione a non abusarne, a causa dell’elevata quantità di sodio e di conservanti (nel caso in cui siano di produzione industriale).

I salumi insaccati, invece, andrebbero completamente evitati da chi vuole seguire una dieta sana e rimanere in forma: contengono, oltre all’eccesso di sodio, un’elevata quantità di grassi saturi e colesterolo; lipidi che, se assunti in quantità eccessive, favoriscono il così detto “colesterolo cattivo”, causando rischi cardiovascolari oltre ad un eccessivo apporto calorico.

✔ 50 g di salame: 125 Kcal, 10 g di grassi, 1 g di carboidrati, 7 g di proteine.

alimenti da evitare


4. Cibi spazzatura

I “cibi spazzatura” rappresentano la sintesi di quanto detto finora: scarso apporto di micronutrienti essenziali (vitamine, minerali, antiossidanti), elevato apporto calorico derivante da zuccheri e/o grassi saturi, conservanti ed elementi cancerogeni.

Dando uno sguardo agli ingredienti e ai valori nutrizionali di merendine e prodotti dolciari confezionati, saltano subito all’occhio le quantità esagerate di grassi e, in particolar modo, di zuccheri (quantità che superano solitamente quelle degli stessi prodotti fatti in casa, che andrebbero in ogni caso limitati).

Quest’ultimi, come già detto, non devono preoccupare meno dei lipidi; infatti, oltre alle calorie che forniscono, favoriscono da parte dell’organismo l’assimilazione dei lipidi assunti con l’alimentazione. In altri termini, se un soggetto assume una certa quantità di grassi e ne accumula il 2% in tessuto adiposo, la stessa quantità di grassi accompagnati da zuccheri determinerà un accumulo nel tessuto adiposo maggiore del 2%.

Per quanto riguarda i fast food, i classici alimenti sono: fritti, hamburger di macinati di carni grasse cotte ad alte temperature (ricordiamo che assumere carboidrati insieme ad un eccesso di grassi, favorisce l’accumulo di quest’ultimi nel tessuto adiposo), il tutto accompagnato da salse contenenti alte dosi di zuccheri (ketchup) o grassi e colesterolo (maionese).

✔ hamburger grande del fast food: 885 Kcal, 51 di g grassi, 50 g di carboidrati, 48 g di proteine.

cibi da evitare


5. Super alcolici

In generale, le bevande alcoliche influiscono negativamente sulle prestazioni sportive. Se assunte in dosi non elevate e non a ridosso dell’inizio di un allenamento, bevande come vino o birra, nel caso in cui il grado alcolico sia basso, non sono un pericolo per la dieta dello sportivo, anzi.

È stato provato che la birra artigianale non filtrata, di grado alcolico inferiore al 5%, possa essere consumata dopo un allenamento con effetti benefici per l’organismo grazie alla quantità di minerali e antiossidanti.

Va però ricordato che 1 grammo di alcool equivale a 7Kcal, contro le 4Kcal di carboidrati e proteine e le 9 Kcal dei grassi , e che favorisce la disidratazione.

Un’alta percentuale di alcool, oltre a ridurre le capacità motorie, di coordinazione e impedire una completa contrazione muscolare, si traduce in una elevatissima quantità di calorie (in media oltre le 150/200Kcal per porzione di superalcolici), che nei superalcolici non sono accompagnate da nessun micronutriente essenziale.

Di male in peggio se si considerano cocktail a base di superalcolici, ai quali vengono aggiunti sciroppi e zuccheri in gran quantità, che fanno crescere esponenzialmente le calorie (in certi casi vengono superate le 400 Kcal per porzione) senza apportare vitamine o minerali.

✔ 1 bicchiere  di rum e cola: 154 Kcal, 0.11 g di grassi, 15 g di zuccheri, 0 g di proteine.

alimenti da evitare



Myprotein

Myprotein

Scrittore ed esperto


Dai un’occhiata alle nostre offerte! Acquista ora!